Cerca

#Romasonoio, Gassman ha copiato da Montesano

2 Agosto 2015

4
#Romasonoio, Gassman ha copiato da Montesano

Alessandro Gassman non si è inventato nulla lanciando il suo hashtag #Romasonoio, proponendo di armarsi di ramazza e pulire la città senza stare ad attendere troppo le squadre di Ignazio Marino (che tanto se la dorme tranquillo fino a settembre, quando ha promesso nuovi spazzini per ripulire la città). Non si è inventato l’idea, e probabilmente l’ha copiata da Enrico Montesano che nel lontano 1986 aveva guidato come testimonial la campagna per ripulire la città visto che nessuno provvedeva. A dimostrarlo una foto d’epoca che scattai da turista in piazza di Spagna all’epoca. A differenza di Gassman oggi che parla ma non si muove, Montesano aveva la ramazza in mano e la utilizzava pure, spazzando Roma…Montesano guidò all’epoca una campagna lanciata da Il Messaggero allora diretto da Vittorio Emiliani, che di fronte allo schifo di Roma (un refrain, evidentemente) propose ai cittadini di impugnare la ramazza e ripulire da volontari la capitale per non fare figuracce con i turisti. Le ramazzate di Roma prima furono accolte con simpatia, e proseguirono una volta ogni due mesi in quartieri diversi delle città. Si infuriò il sindaco dell’epoca, l’andreottiano Nicola Signorello, che protestò vivamente con il Messaggero e dopo una serie di ramazzate rese necessarie dal fatto che chi di dovere non provvedeva, cominciò ad entrare in crisi con la sua giunta pentapartita fino addirittura a dovere rassegnare le dimissioni.

Proprio questo aspetto “storico” potrebbe fare riprendere in considerazione la prposta di Gassman, da lui fatta a dire il vero per dare una mano a Marino. L’attore è stato subissato di fischi, e nelle critiche ci sono molte ragioni. I romani pagano le tasse locali più alte di Italia, e fra queste ci sono anche la Tasi e la Tari: hanno diritto a quel prezzo di avere strade linde  pulite come uno specchio… Giustissimo, ma provate a ripensare la storia del povero Signorello, mandato via dai romani a colpi di ramazza. Chissà, magari è lo strumento ideale per fare scollare le terga dell’attuale sindaco di Roma che sembrano incollate alla poltrona con un prodotto chimico potentissimo: non si alza più di lì nemmeno se gli grandina in testa. E gli grandina ormai ogni giorno. Se i cittadini debbono pulire la città al posto del sindaco più pagato (dalle loro tasse) di Italia, è evidente l’inutilità del primo cittadino. Forse, quella ramazza… Che dite? La prendiamo in mano?

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vfangelo75

    07 Agosto 2015 - 18:06

    Quanti immigrati si è portato a casa Gassman, penso nessuno, lui parla da cialtrone perché sta lontano dal problema, ha i soldi, ma penso pure che queste persone hanno dimenticato pure di essere italiani, i comunisti cantano bella ciao, ma con questi che son venuti, eritrea, Somalia, si deve cantare "faccetta nera". Che grande schifo che sento nell'aria.

    Report

    Rispondi

  • vfangelo75

    07 Agosto 2015 - 18:06

    Ma chi sarà mai questo Gassman, con questa presunzione di voler dire alle persone quello che è giusto, rispetto molto il padre, grande artista, non erano persone che si mescolavano alla politica, erano artisti e basta, adesso sono tutti di sinistra perché mamma PD, pensa come allattarli, altrimenti se anno altre mentalità niente magna magna, a pensare che si deve squagliare, una volta tutti fascis

    Report

    Rispondi

  • kufu

    04 Agosto 2015 - 14:02

    Però poi se tirate fuori ste notizie non potete incolpare Marino. Roma è stata sempre zozza!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media