Cerca

Avviso di garanzia a Renzi: l’Italicum così sarà bocciato

11 Settembre 2015

7
Avviso di garanzia a Renzi: l’Italicum così sarà bocciato

L’avviso di garanzia a Matteo Renzi è stato relegato alla pagina dei commenti del Corriere della Sera di venerdì 11 settembre. L’ha scritto un giudice uscente della Corte Costituzionale, che però fino al luglio scorso faceva parte dell’organismo supremo: Paolo Maria Napolitano. Poche parole finali: “non si vede come si possa sfuggire a ciò che la Corte Costituzionale ha già affermato nella sentenza n.1 del 2014, quando ha dichiarato l’illegitimità del premio di maggioranza previsto dalla precedente legge elettorale”. Non solo, Napolitano parla del “probabile rischio che la nuova legge elettorale sia dichiarata incostituzionale…”Secondo il magistrato uscente della Corte Costituzionale, che partecipò alla decisione sulla bocciatura del Porcellum, dunque anche l’Italicum rischia di fare la stessa fine perchè la legge elettorale che sta tanto cuore al premier non sembra avere risolto il problema principale: quello dell’abnormità del premio di maggioranza concesso. Non basta la soglia del 40% al primo turno, perchè quasi nessuno probabilmente la raggiungerà. La costituzionalità della legge zoppica invece sul ballottaggio, perchè sarà su quel risultato che il premio rischierà di diventare abnorme in un collegio nazionale unico come quello che di fatto è disegnato da quella legge. Napolitano  (che non è parente dell’ex presidente della Repubblica) suggerisce una via di uscita per non incorrere nella ventilata clamorosa bocciatura della Corte: stabilire una percentuale robusta di affluenza al ballottaggio rispetto al primo turno, in modo che la vittoria sia davvero rappresentativa del corpo elettorale. Una bella grana in più, che forse però potrebbe sminare quella sulla riforma del Senato. Visto che anche altre forze politiche (Ncd e Forza Italia) chiedono di rimettere mano all’Italicum per consentire le coalizioni al posto delle liste, forse a Renzi converrebbe aprire su una legge elettorale che rischia la bocciatura e ripartire da lì.

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucky52

    22 Settembre 2015 - 09:09

    Tanto essendo la maggioranza della magistratura di sinistra ( vedi Milano) Renzi ed i suoi accolito possono fare di tutto e di più che non saranno mai processati. Perchè forse la legge Boschi per salvare la banca di suo padre era legale?

    Report

    Rispondi

  • blackbird

    18 Settembre 2015 - 17:05

    In tutte le nazioni democratiche ci sono delle leggi elettorali molto più premianti di quelle italiane. Ma da noi ci sono gli spaccacelliinsei che devono dire la loro. Altrimenti cosa contano?

    Report

    Rispondi

  • tatanu

    17 Settembre 2015 - 03:03

    Premio alla coalizione e non alla lista .. non riesco a capire in che misura possa entrarci con l premio di maggioranza che in ogni caso verrà applicato sia che si tratti della lista o della colazione.....sempre di quella percentuale di voti si tratta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media