Cerca

Papà e mamma Renzi hanno dimenticati la loro nuova srl

13 Dicembre 2015

4

Sono due dichiarazioni inviate alla presidenza del Consiglio dei ministri il sei agosto 2015. Prima l’ampollosa affermazione “Sul proprio onore afferma che la dichiarazione corrisponde al vero”. Poi la firma. Su un documento,“Tiziano Renzi”. Sull’altro, “Laura Bovoli”. Sono papà e mamma Renzi che secondo i dettami di legge aggiornano la dichiarazione sui patrimoni e le cariche societarie possedute. Papà scrive: “non sono intervenute nel 2014 variazioni”. Mamma racconta solo di avere cambiato auto, prendendone una usata. Quindi tutto dovrebbe essere restato come nell’anno precedente, il 2013.

In quell’occasione papà Tiziano aveva dichiarato di non possedere nulla se non una società personale che aveva il suo nome. Mamma Laura oltre ad elencare le proprietà immobiliari (3) di Rignano sull’Arno, spiegava di essere azionista all’8% di Eventi6, società posseduta con le figlie, e di avere come carica proprio quella presidenza. Null’altro di variato nel 2014. Due genitori sbadati. Perchè si sono dimenticati entrambi l’ultima avventura familiare: la fondazione il 12 novembre 2014 (quindi 9 mesi prima di quella dichiarazione giurata) della Party srl, società specializzata in consulenza immobiliare di cui papà Renzi detiene il 40% del capitale e mamma Renzi è amministratore unico.

Gli altri soci sono la Creazione Focardi srl con il 20% e soprattutto con il 40% la Nikila Invest, che qualche mese dopo avrebbe fatto un affarone comprandosi il teatro comunale di Firenze da trasformare in grande resort. Con la Nikila Invest papà Renzi ha ottimi rapporti, tanto da averla seguita in una seconda avventura imprenditoriale, quella di Egnatia Shopping Mall, il gruppo che sta cercando di esportare il successo di The Mall, centro commerciale toscano, in Liguria e in Puglia. In quell’avventura in cui papà Renzi fa da consulente sui problemi amministrativi locali si sono buttati altri due nomi noti della finanza toscana: Andrea Bacci (che il figlio Matteo volle alla guida di partecipate del comune di Firenze) e soprattutto Lorenzo Rosi, l’ultimo presidente di Banca Etruria prima del commissariamento di Bankitalia, che fu costretto ad uscire insieme al suo vice, Pier Luigi Boschi, papà di Maria Elena. Il mondo è piccolo…

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo.galletto

    05 Gennaio 2016 - 11:11

    asocsga Se è avvenuto tutto questo ed altro ancora che non conosciamo, possiamo come sempre ringraziare il condannato che dopo aver fatto affossare l'Italia, aveva deciso di sostenere il governo Renzi.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    18 Dicembre 2015 - 15:03

    Mentecatto di un Bechis. Attaccare i genitori di un personaggio. Prenditela con lui ma lascia stare gli altri, e non chiamarli ''papà e mamma'' Tu devi essere figlio di nessuno allora se non sai cosa vuol dire papa' e mamma. he tristezza solo guardarti.

    Report

    Rispondi

  • sponza61

    17 Dicembre 2015 - 18:06

    posso usare una parolaccia ? ma questi due stronzi credono che gli Italiani siano tutti una massa di imbecilli ? ma che vadano all'inferno loro e tutta la loro stirpe !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media