Cerca

Rispunta Lusi, e invia un pizzino a Raggi (e uno a Giachetti)

1 Luglio 2016

2
Rispunta Lusi, e invia un pizzino a Raggi (e uno a Giachetti)

Rispunta quasi dal nulla Luigi Lusi, l’ex tesoriere della Margherita di Francesco Rutelli condannato in primo grado a 8 anni e in appello a 7 per appropriazione indebita dei finanziamenti pubblici a quel partito poi confluito nel Pd.

E proprio alla vigilia del ballottaggio, ha fatto il suo outing su Facebook (che non usava più da tempo) per la scheda bianca, con un messaggio in codice a Roberto Giachetti: “Roma ha bisogno di competenti coraggiosi veri. Ma è una battaglia che, per ora, non è dato vincere. E, anch’io, sono ormai nauseato dalla politica del meno peggio. Ancora a far finta di non sapere su chi abbia concorso a costituire la prima e più grande quota di debito della Capitale….Roberto è competente e combatterà fino a farsi venire l’ulcera: il che non significa che non medierà. Lui sa perché non lo voterò. Sarà la prima scheda bianca della mia vita”.

Intanto che c’era Lusi, per par condicio ha lanciato un pizzino pure a Virginia Raggi. Anzi, un silurino al neo assessore del sindaco a 5 stelle. “P.S. Sulla squadra nota della Raggi”, premette l’ex tesoriere, e affonda: “Fra gli altri, leggo di Luca Bergamo. Ex Fgci, con me; ottimo consulente. Lo rividi nelle stanze di Gentiloni nella sede della Margherita…. Una persona competente, ma…..PCI, PDS, Ds, (quasi) Margherita, M5S con Raggi? Anche questo non mi quadra….. O è un omonimo?”. Bùm.

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    02 Luglio 2016 - 08:08

    In questo Paese non c'è un politico, che per rimanere sempre su certi scanni, non abbia migrato da un da una corrente politica all'altra. Gente ormai stantia che per potersene liberare bisognerebbe usare metodi molto drastici. Hanno ormai il DNA così tarato che non sanno fare altro che quello di farsi mantenere dal popolo mentendo spudoratamente. Dai grandi all'ultimo del carro, nessuno si salva.

    Report

    Rispondi

media