Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Amanda Knox è innocente. Parla un ex agente dell'Fbi

default_image

Il detective privato dice di aver passato "ore a guardare i video della polizia italiana e di essere rimasto scioccato per le contaminazioni e le tecniche orribili"

Tatiana Necchi
  • a
  • a
  • a

“Amanda Knox è innocente e le prove presentate nel processo sono state manipolate”. È questo il duro attacco alla giustizia italiana sferrato da un agente dell'Fbi, Steve Moore che ha trascorso 25 anni nel Bureau e che ha condotto una ricerca privata sull'omicidio della giovane Meredith Kercher. In un'intervista al programma tv “Good Morning America”, della Abc e rilanciata dalla stampa britannica, l'ex agente sostiene che le prove non solo dimostrano che la studentessa americana non ha ucciso Meredith "ma provano che comunque non avrebbe potuto farlo". La Knox, insieme al suo ex fidanzato, Raffaele Sollecito, è stata condannata in primo grado nel dicembre scorso per l'omicidio della studentessa britannica avvenuto a Perugia nel 2007. L'appello si terrà il prossimo novembre. Poi Moore ha spiegato: "Quando Amanda uscirà dal carcere, se dovesse aver bisogno di una compagna di stanza, manderei mia figlia". Prima, però, di chiudere le indagini, anche l'uomo era convinto della colpevolezza della ragazza americana. L'agente dell'Fbi ha detto di non aver mai parlato con la famiglia Knox né con i suoi legali e ha riferito di aver cominciato le sue indagini spinto dalla moglie che è sempre stata convinta dell'innocenza di Amanda. A novembre, Moore ottenne il video della scena del crimine, le foto dell'autopsia e diversi documenti legali. Ed è stato in quel momento che ha cambiato idea. L'ex agente federale ha raccontato di aver trascorso diverse ore a guardare i video della polizia italiana e di essere rimasto "scioccato" per le "contaminazioni" e le "tecniche orribili": "Se quel nastro fosse stato portato davanti a una Corte americana, la maggior parte delle prove sarebbe stata dichiarata inammissibile".

Dai blog