Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gli Usa: l'Europa sta per fallire

L'agenzia di rating Moody's: servono subito delle misure, l'incertezza politica di Grecia e Italia mette a dura prova l'euro

Lucia Esposito
  • a
  • a
  • a

Un nuovo allarme si abbatte sull'eurozona. Dopo la rivelazione del piano B a cui stanno lavorando le grandi banhe americane, oggi è l'agenzia di rating Moddy's a lanciare un nuovo, pesante allarme: c'è il rischio di un default multiplo nell'Eurzona."La continua rapida escalation della crisi nell'area euro e delle banche sta minacciando l'affidabilità di tutti i Paesi europei. In assenza di misure politiche che stabilizzino le condizioni di mercato nel breve termine - si legge ancora nella nota - il rischio di credito continuerà a crescere. L'eurozona possiede una grande forza economica e finanziaria, ma la debolezza delle istituzioni continua a ostacolare la soluzione della crisi e a pesare sui giudizi di rating. In termini di quadro politico, l'area euro si sta avvicinando a un bivio, che porta a una più stretta e grave crisi finanziaria attualmente in corso mette a rischio i rating nell'intera Unione Europea", eccolo l'allarme lanciato dall'agenzia Moody's, secondo cui "il prolungato e rapido incremento della crisi dei debiti sovrani e bancari nell'Eurozona minaccia le posizioni di tutti i Paesi europei". Moody's nota in particolare come le situazioni di incertezza politica in Grecia e in Italia, abbinate al peggioramento delle prospettive economiche complessive nell'Eurozona, abbiano dato luogo alla "verosimiglianza di scenari persino più negativi", e dunque "la probabilità di default multipli per i Paesi dell'Eurozona non è ulteriormente trascurabile". Dal punto di vista dell'agenzia di rating americana, "più a lungo continua la crisi di liquidità, più rapidamente cresceranno le probabilità di default". In tale contesto, è la conclusione, diventa sempre più verosimile che uno o più Stati membri dell'Eurozona siano costretti a uscirne". È quanto scrive Moody's in una nota pubblicata oggi.

Dai blog