Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alla partita benefica i politici non danno soldi ai disabili

Nazionale di calcio dei parlamentari a un triangolare di beneficenza a Catania chiede il rimborso ma non dà nemmeno un euro ai bimbi

Andrea Turco
  • a
  • a
  • a

I nostri parlamentari non conoscono vergogna. La nazionale di calcio dei nostri onorevoli, invitata per un torneo benefico a Catania, ha chiarito che per la trasferta doveva essere "totalmente spesata". Alla richiesta, gli organizzatori hanno opposto un netto e sconcertato rifiuto, al chè i suddetti parlamentari, a malincuore, hanno accettato di pagarsi solo il biglietto aereo (per il quale hanno già previsto il rimborso). Tutto il resto però, incluso vitto e alloggio, è stato completamente gratuito. E chi ha pagato? Gli sponsor per fortuna. Non contenti i nostri 15 parlamentari hanno evitato di pagare il conto al ristorante sperando che il sindaco o qualche assessore arrivasse a saldare il conto. Per loro estrema gioia, ha pagato un loro collega catanese Giuseppe Beretta del Pd. Spocchiosi - Come canta Ligabue, "il meglio (o il peggio) deve ancora venire". Alla fine del triangolare di calcio, un funzionario della polizia municipale è passato negli spogliatoi per chiedere un contributo finalizzato all'acquisto di tre carrozzine per i bambini disabili assistiti dalle "Sorelle della carità". Una modica cifra di 700 euro a carrozzina. Una bazzeccola per parlamentari abituati ad una busta paga ben più sostanziosa. E quanto è stato il contributo degli onorevoli? Zero euro. A mettere una pezza il solito Beretta che ha tirato fuori 100 euro per salvare la faccia. Che pacchia - Il programma prevedeva che una volta finita la trasferta si dovesse tornare dritti a Roma. Ma volete mettere i 16 gradi al sole di Catania con la capitale immersa nella neve e con il caos cittadino che ne consegue? Alla fine quacuno è rimasto nella città siciliana un giorno in più. Una volta tornati a Roma, i parlamentari si sono giustificati spiegando di non "poter sostenere ogni trasferta a nostre spese". Silenzio invece sul perché non abbiano versato alcun contributo per i bimbi malati. Eppure a guidare la compagnia dei (poco) onorevoli era Maurizio Paniz del Pdl che con 1 milione e 800 mila euro all'anno risulta il parlamentare più pagato della Camera. Strano che nessuno abbia trovato nel proprio portafoglio un pò di soldi per chi ne ha veramente bisogno.  

Dai blog