Cerca

MiDifendo GA3

Pistola al peperoncino, le storie di donne che hanno salvato la loro vita

23 Ottobre 2018

2
Pistola al peperoncino, le storie di donne che hanno salvato la loro vita

È che alle volte basta uno spray. Ne sa qualcosa l' anziano di 60 anni che ieri, a Pisa, si è trovato braccato da un malvivente ai giardinetti. Lui sta lì, seduto su una panchina, quando gli si para davanti un giovanotto e gli chiede, minacciandolo, il portafogli. Di cedere, l' uomo non ne vuole sapere: ne scaturisce una colluttazione in cui sembra avere la peggio. La prestanza fisica non gioca a suo favore, l' aggressore è molto più agile. Sennonché il 60enne mette mano a una tasca ed estrae una bomboletta al peperoncino: la spruzza in faccia al ragazzo (un georgiano di 35 anni) e si libera dalla sua morsa.
Risultato: borsellino salvo e ladruncolo in arresto. Gli uomini della Squadra mobile toscana arrivano sul posto e trovano il rapinatore steso a terra e il rapinato che lo tiene d' occhio.

Quando Libero ha deciso di uscire in edicola con la pistola al peperoncino (sarà in allegato con il nostro giornale a partire da sabato 20 ottobre) è scoppiato il finimondo. Scelta scellerata, dicono i benpensanti, promozione shock ripetono i perbenisti.
Mica vero. Le cronache sono piene di episodi come questo: tentate violenze e tentati scippi rimasti (fortunatamente) solo nelle intenzioni dei criminali di turno.
Milano, agosto 2018.

IL MOLESTATORE
Sono circa le cinque di mattina quando una ragazza di 25 anni scende le scale del metrò nella stazione di Garibaldi: vuoi per l' ora, vuoi per il periodo estivo, non c' è in giro quasi nessuno. Solo lei e, qualche centinaio di metri più dietro, un nigeriano. Che la punta. Sono sulla banchina, lui la palpeggia ma lo sguardo indiscreto di un passante lo fa desistere. La segue sulle scale, la strattona. Avrebbe la meglio se la donna non reagisse in quel modo: una spruzzata di peperoncino negli occhi. Lui si accascia a terra, è come paralizzato. Lei scappa e chiama le forze dell' ordine, il copione è identico a quello avvenuto ieri. Su internet è ancora disponibile il video di quella violenza mai consumata.

Di "armi" al peperoncino in Italia se ne vendono circa 60mila all' anno: a quanti storcono il naso sostenendo che è la percezione distorta di un senso di insicurezza solo tricolore va ricordato che quel mercato, nelle civilissime Germania e Francia, vale rispettivamente sei e 4,5 milioni di confezioni all' anno. Poi ovvio, qualche esagitato che, magari senza pensarci, magari per bravata, usa impropriamente lo spray al peperoncino (vedi la scuola si Sarzana, Genova, recentemente evacuata perché un paio di studenti hanno dato fondo a una grande quantità di bombolette in questione «per scherzo») c' è sempre. Inutile negarlo. Però contano anche le vittime che vittime non sono perché si sono salvate da sole. Due settimane fa a Monteprandone (Ascoli Piceno) la giovane titolare di una tabaccheria fa scattare le manette ai polsi di un rapinatore improvvisato che, alticcio, tenta di portarle via l' incasso. A Crotone, a settembre, quando un uomo bussa alla porta di casa della ex convivente (è appena evaso dagli arresti domiciliari) lei capisce subito che si mette male: riceve alcuni calci alle gambe ma riesce lo stesso ad aprire la borsetta. Fine dell' incubo.

ANCORA E ANCORA
Viterbo, marzo scorso: una barista aggredita e con un coltello puntato alla gola si salva dal peggio usando lo spray al peperoncino. Mantova, luglio: la stessa autodifesa impedisce lo stupro di una 22enne. Brescia, febbraio: durante una rapina in farmacia la titolare, già stordita da una sprangata in testa, riesce ad armarsi di spray al peperoncino e fa scappare (a mani vuote) il delinquente.
Chissà come sarebbe andata altrimenti.

di Claudia Osmetti

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vespaio

    02 Novembre 2018 - 14:02

    Dal giorno in cui è stata pubblicizzata da "Libero" l'iniziativa, alcuni edicolanti di Ciampino (RM) a cui mi sono rivolto per prenotare la pistola al peperoncino lamentano il numero esiguo (una o due al max) della fornitura ed altri addirittura non hanno notizie su quando sarà distribuita. Tutto ciò sicuramente non è favore della credibilità nella vostra "testata".

    Report

    Rispondi

  • antirenzuscone

    25 Ottobre 2018 - 14:02

    A quando le forze dellórdine con peperoncino e taser?

    Report

    Rispondi

media