Cerca

Nike che passione

Tornano le Dunk degli anni Novanta

3 Febbraio 2016

0
Tornano le Dunk degli anni Novanta

NikeLab Dunk Lux High x RT

Nike e Riccardo Tisci di nuovo insieme, questa volta per dare una veste rinnovata alle Nike Dunk, scarpe simbolo della cultura street di fine anni Novanta. Nate nel 1985 come calzature da basket, sono poi diventate lo stilema di skater e personaggi famosi dell'epoca, e oggi rivivono nel progetto NikeLab Dunk High x RT (Riccardo Tisci, ndr).

«La Nike Dunk porta con sé una storia affascinante – afferma Tisci – poiché è stata un prodotto sia mainstream che di nicchia, adottata da communities diverse.  Indipendentemente dalle varianti considerate, la Dunk ha sempre avuto una forte identità culturale che, da designer, mi intriga molto».

Tisci ama molto il basket – ricordiamoci la reinterpretazione delle Air Force 1 del 2014 – e dunque è stato agevole e naturale per lui creare dettagli tecnici ed estetici per la nuova Dunk. Entrando nel merito della questione, le proporzioni della scarpa sono volutamente esagerate. Altezza allungata, Swoosh ingrandito, occhielli e foxing più larghi del normale. La linguetta posteriore, poi, è capovolta e sul tacco si vede il logo Riccardo Tisci.  

«Questo modello non ha come unico obiettivo quello di rappresentare la visione creativa di Riccardo, ma anche di offrire alte prestazioni – spiega Nate Jobe, Senior Design Director di NikeLab Footwear Innovation – Grazie alla nostra stretta collaborazione, siamo riusciti ad aggiungere una nuova interpretazione di un’icona Nike, capace di fornire il comfort e la praticità necessaria per essere indossata tutto il giorno».

Sulle prestazioni di cui parla Jobe, nulla è stato lasciato al caso: la tomaia è in pelle pieno fiore, molto resistente, la soletta drop-in Lunarlon ha un'imbottitura ultra-soft, nel collo c'è la memory foam e la linguetta in pelle è trapuntata. 

Le Dunk saranno disponibili esclusivamente in Nord America, nei rivenditori NikeLab e su nike.com/nikelab a partire dall’11 febbraio 2016.

di Maria Elena Capitanio 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media