Cerca

L'appunto

Facci: "La giustizia reale è un tritacarne"

2 Settembre 2014

4
Facci:  "La giustizia reale è un tritacarne"

Incaponirsi sulla responsabilità civile dei giudici, di questo passo, finirà per allontanare dalla verità: cioè che il problema non è tanto e solo sanzionare gli errori più macroscopici dei magistrati (che potrebbero anche fottersene: gli basta un'assicurazione da 150 euro annui) ma è evitare l'incredibile quantità di sciatterie quotidiane che sono il vero cancro del nostro sistema, qualcosa che in Italia è impunibile per definizione. Si parla, cioè, dei detenuti dimenticati in carcere, delle ingiuste detenzioni che peraltro ci costano milioni di euro, delle decisioni arbitrarie e senza motivazione, delle indagini mai fatte, dei rinvii a giudizio d'ufficio, dei tempi dilatati per pigrizia o per ferie, delle tante sentenze da cui si arguisce che non c'era nessuna ragione di procedere, né di arrestare, sequestrare, intercettare, rovinare la vita altrui o bloccare una carriera o un'attività. La giustizia reale (non in tutti i casi, comunque in troppi) è fatta di queste cose, di bizantine vessazioni che s'infoltiscono come il pelo che magistrati e avvocati hanno già sullo stomaco dopo un paio d'anni a palazzo di giustizia. Un cittadino che vi entra, a palazzo di giustizia, non ha il problema di poter denunciare il suo giudice: ha il problema del giudice, cioè di sapere se è una persona corretta e coscienziosa, anche perché sa benissimo che il magistrato buono e quello cattivo hanno fatto la stessa carriera: gli bastò vincere un concorso qualche decina d'anni prima.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    03 Settembre 2014 - 17:05

    la vecchia storia dell'uovo e della gallina. Intanto mentre utopizziamo una giustizia giusta ed una meritocratica filippofaccica società, il potente si compera magistrati e magistratura. Il povero disgraziato paga per tutti.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    03 Settembre 2014 - 08:08

    Per intanto comincerei col ridurre a 30 giorni all'anno le interminabili ferie dei Magistrati che di ferie fanno quasi DUE MESI. A che serve ridurre il periodo feriale se, di pari passo, non si riducono anche le ferie dei giudici?

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    02 Settembre 2014 - 18:06

    la giustizia in Italia si può benissimo definirla in poche parole Gli innocenti in galera, vedi Olindo e Rosa, Parolisi, ora toccherà molto probabilmente a Bossetti, i colpevoli sono molto di più fuori dal carcere, tutto perché la macchina della giustizia è un 'accozzaglia di impreparati. Fanno i giudici per carriera, raccomandati da qualcuno e non per merito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media