Cerca

Appunto

Filippo Facci: Napule è. Noi no

8 Gennaio 2015

3
Filippo Facci: Napule è. Noi no

Già mette nausea la pubblica baruffa tra ex, poi c'è la disputa geografica sui funerali, poi l'immancabile inchiesta giudiziaria: dopodiché, chiarito che Pino Daniele è parte insostituibile dell'adolescenza di molti di noi, come dire, aderire a questa improbabilissima elaborazione nazionale del lutto non è per niente obbligatorio, anzi. Vi rivelo che molti di noi - che hanno amato e cantato e persino suonato Pino Daniele - certa napoletanità retorica la rimandano volentieri al mittente. Vi rivelo, poi, che cos'è successo nei giorni scorsi: è morto un musicista, un grande musicista, un grandissimo musicista: niente di più e niente di meno. Ma questo è accaduto in un Paese confuso e infelice che ogni tanto abbozza delle inverosimili riunificazioni nazionali che non riunificano un bel niente: si ammassano attorno alla salma di attori e cantanti (eccetera) purché non si parli di politica, di coloro che - esistono - cercano di cambiare le cose laddove le cose si cambiano, e non solo suonando una chitarra. E' morto un musicista, ma un politico suo amico - un D'Alema, per dire - non ha potuto entrare nella camera ardente perché degli scalmanati gridavano "vergogna": era la stessa società civile che poco prima aveva avuto il buon gusto di fotografare la salma. Napule è.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fiamma44

    10 Gennaio 2015 - 01:01

    Ci si dimentica di specificare che il tutto è accaduto a Roma e non a Napoli.

    Report

    Rispondi

  • Oldville

    Oldville

    09 Gennaio 2015 - 14:02

    Sono d'accordissimo.

    Report

    Rispondi

  • diwa130

    08 Gennaio 2015 - 19:07

    Solo un ignorante che non sa nulla di Napoli puo' scrivere tante scemenze in maniera esplicita ed implicita. E' la prima volta che leggo un suo commento e sara' anche l'ultima.

    Report

    Rispondi

media