Cerca

Appunto

Quella volta che fu prevista l'Apocalisse e non accadde nulla

26 Febbraio 2015

8
Quella volta che fu prevista l'Apocalisse e non accadde nulla

La faccenda è seria. Un magistrato, per protestare contro la legge sulla responsabilità civile dei giudici, si è dimesso dall'ordine giudiziario: la sua decisione - ha spiegato - è dovuta "alla volontà di svolgere dal di fuori un'attività atta a contrastare la paurosa involuzione antidemocratica che ravviso nelle attuali vicende". All'Associazione nazionale magistrati, poi, il segretario di Unità per la Costituzione ha detto per la nuova legge "sui palazzi di giustizia verrà issata bandiera bianca, i tribunali si trasformeranno in Far West, con le parti in agguato e con quei nuovi cercatori d'oro che saranno gli agenti delle assicurazioni in giro per le aule... Si scatenerà la pratica di cause intentate ai giudici; nasceranno organizzazioni e studi professionali che non avranno altro scopo; i giudici saranno costretti ad astenersi; centinaia di processi saranno sospesi; l'astensione provocherà tempi morti, i detenuti saranno scarcerati per decorrenza dei termini... ". La faccenda è seria, anzi, lo sembrava: perché la legge sulla responsabilità civile di cui parliamo, infatti, è quella del 1988, quella che non ha funzionato mai. Il magistrato che presentò le dimissioni e temeva un'involuzione antidemocratica era un pm del caso Tortora. Il segretario di Unità per la Costituzione parlò all'Associazione magistrati il 19 novembre 1987. Per quella legge prevedevano l'apocalisse, e non accadde nulla. Per questa legge ora prevedono l'apocalisse, e indovinate un po'?

Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • semiserioso

    27 Febbraio 2015 - 08:08

    per capire come gira la giustiza basta esaminare i casi in cui in secondo grado la sentenza viene completamente capovolta......chi sono i "poveri deficienti" pagati profumatamente da mandare subito a casa?

    Report

    Rispondi

  • lucaschiavoni

    26 Febbraio 2015 - 20:08

    purtroppo parliamo di una cosa per ricchi. la povera gente se subisce un danno NON ha tempo e soldi e avvocati per montare un altro processo, siamo seri. E' roba per ricchi. D'altronde l'ha fatta Renzi eh.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    26 Febbraio 2015 - 18:06

    E’ un argomento delicato, non affrontabile a colpi di sparate populiste. La democrazia di uno Stato dipende dall’autonomia del potere giudiziario. Sappiamo che a Berlusconi la democrazia andava stretta e avrebbe voluto il potere giudiziario assoggettato all’esecutivo. Per fortuna, nonostante tutto il male che si possa dire della Magistratura, grazie a Fini e a Napolitano non ci è riuscito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media