Cerca

Appunto

Scusa 'sta cippa

16 Giugno 2015

1
Scusa 'sta cippa

Ieri, sul web, la cosa suonava così: «Ehi, amico capotreno, scusa se ho tentato di amputarti il braccio col machete, ero un po' brillo: amici?».
Ecco: forse partire da un 19enne salvadoregno per tentare di ragionare sul significato moderno di «scuse», come dire, rischia di tagliare i ragionamenti col machete. Resta la domanda: quanto durerà questo nostro retaggio che ci vede sensibili allo scusarsi anche per l' inescusabile? La prima cosa è scusarsi, sempre: lo consiglia il prete e il giudice, l' avvocato e la maestra, il politico e la zia. Ma oggi le scuse non vogliono dire più niente: sono parole a costo zero, non c' è niente di cavalleresco, è solo una liturgia ipocrita, un falso pentimento che sostituisce l' antico e signorile pagare pegno: inteso come rispondere delle proprie azioni. Oggi chi si scusa, invece, è uno che sta già cercando di sfangarla: che vuol dire scusarsi dopo ripetuti colpi di machete? È chiaro che se uno gira col machete nei pantaloni, e lo estrae e lo usa, beh, forse ci ha messo del suo.
Non che nella vita pubblica cambi granché: le scuse - ci pare - dovrebbero far seguito a irruenza, a parole dal sen fuggite, a un errore non calcolato; invece assistiamo a continue scenette con politici e personaggi vari che dicono tutto quello che vogliono dire e magari lo pronunciano da scranni rilevanti: poi, soppesate le reazioni, buttano lì delle scuse che non hanno conseguenze e non importano a nessuno. Scusate, ciao. Da noi, non a caso, tutti si scusano e nessuno si dimette.
Ieri, sul web, la cosa suonava così: «Ehi, amico capotreno, scusa se ho tentato di amputarti il braccio col machete, ero un po' brillo: amici?

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frenand

    16 Giugno 2015 - 16:04

    La richiesta di scuse e di perdono sono tipiche della mentalità cattolica: fai tutto quello che vuoi poi pentiti, fai una bella offerta e diventi immacolato.

    Report

    Rispondi

media