Cerca

Da Nizza a Monaco

Kamikaze, islam, pazzi e scemi: Vittorio Feltri, la verità che nessuno ha il coraggio di dire

25 Luglio 2016

17
Kamikaze, islam, pazzi e scemi: Vittorio Feltri, la verità che nessuno ha il coraggio di dire

Comincia una nuova settimana, ma prima di archiviare quella vecchia consentitemi alcune riflessioni. La prima riguarda la strage di Monaco già commentata da par suo dal nostro eccellente Mario Giordano. Alle parole del quale desidero aggiungere una chiosa. Giornali e tivù più o meno autorevoli si sono accontentati di dire che l’assassino non ha agito in sintonia con l’Isis e roba del genere. L’islamismo non c'entra, figuriamoci. La diagnosi largamente condivisa indica nella pazzia, nella depressione, nel disagio sociale e anche del disadattamento le cause che hanno scatenato Alì David Somboly, trasformandolo da ragazzo triste in spietato killer.

Ecco. Questa sbrigativa spiegazione mi sembra inadeguata, per non dire idiota. Infatti in tanti anni di attività quale cronista non ho mai conosciuto uno stragista sano di mente. Chiunque si metta a sparacchiare sulla gente inerme è innocente è per definizione un soggetto psichiatrico. Non mi si venga a dire che il giovanotto il quale ha falciato con un camion coloro che passeggiavano a Nizza lungo la promenade fosse un tipo equilibrato, eppure nessuno lo ha liquidato come semplice dissennato. Senza dubbio egli non era completamente registrato, però nel momento in cui ha portato a termine il piano criminale sapeva cosa facesse, e dal suo punto di vista lo ha fatto con grande lucidità. L’esatta focopia dell'iraniano diciottenne che ha messo in ginocchio la Baviera. E che vogliamo dire dei kamikaze? Quelli per esempio delle Torri gemelle e i loro numerosi epigoni che hanno poi insanguinato la Francia e il Belgio. Vi sembrano uomini normali, con tutti i fili del cervello attaccati? È noto il loro movente: fare secchi gli infedeli per rendere omaggio ad Allah e guadagnarsi il paradiso. Pur di uccidere muoiono essi stessi. Più suonati di così non si può, anche perché essi sono persuasi, una volta andati all'altro mondo, che in cielo saranno accolti con speciali festeggiamenti, cioè da una moltitudine di vergini disposte a donarsi loro su letti di nuvole. Chi compie massacri in terra illudendosi di poter scopare in cielo o è pazzo o è scemo o entrambe le cose. La sua non è neanche una religione. Forse il Corano va esaminato al neuro deliri? Lo stesso reparto che sarebbe stato adatto ad Alì.

***
Fatte le dovute proporzioni, anche la follia dei napoletani è abbastanza allarmante. Sono fuori dalla divina grazia perché Higuain ha ceduto ai corteggiamenti della Juventus e se ne è andato a Torino; gli danno del traditore. Premetto, non sono juventino ma atalantino ossia tifo per la squadra che fu privata di Jepson negli anni Cinquanta. Manco a dirlo fu comprato da Lauro che battè il record della spesa: cento milioni, all’epoca una fortuna. Altro primato napoletano, trenta anni dopo, si registrò con Savoldi, il primo giocatore la cui valutazione superò il miliardo di lire, anche costui bergamasco benchè adottato dal Bologna. Non è finita. Terzo record. Riguarda Maradona, pagato dai partenopei la bellezza di 15 miliardi. Che titoli hanno i tifosi dell'asinello per sgridare Higuain perché avrebbe tradito la piazza azzurra attratto dai denari, gli stessi denari che il Napoli usò per sedurre altri campioni da ingaggiare? Chi la fa, l’aspetti. È il mercato bellezza. Non è lecito rimproverare al prossimo ciò che perdoniamo a noi stessi. I napoletani continuino pure a fottere, ma cessino di chiagnere.

***
Per concludere, un cenno al ministro dell’Interno, autore di un autentico miracolo. È riuscito a neutralizzare uno sciopero già indetto dai controllori di volo, facendo ricorso alla benedetta precettazione. Sissignori. Alfano, sorprendendo tutti, ha dimostrato di avere quel quid che Berlusconi non gli aveva riconosciuto, spedendo al lavoro coloro che minacciavano di rovinare le vacanze agli italiani. Ottima iniziativa che ristabilisce un principio sacrosanto: lo sciopero è lecito quando non danneggia i cittadini. Altrimenti non è legittimo. Bravo ministro, oltre al quid lei ha le palle. Non è moltissimo, ma a me basta per elogiarla


di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 226186

    27 Luglio 2016 - 22:10

    Concordo sulla valutazione di Alfano. Ero rimasto sorpreso anch'io. Però questo dimostra che le cose le sanno fare se vogliono : dunque troppe altre volte ci hanno preso in giro

    Report

    Rispondi

  • IlGianpydimilan

    IlGianpydimilan

    26 Luglio 2016 - 10:10

    Diciamo che tutti i fanatici ( soprattutto quelli religiosi ma non solo) hanno secondo me qualche rotella fuori posto. Ma almeno i fondamentalisti cristiani ( esistono ancora?) non si fanno esplodere cercando di portarti al creatore insieme a loro!

    Report

    Rispondi

  • metamenti

    26 Luglio 2016 - 09:09

    Dimenticavo Savoldi suo conterraneo molto legato a Napoli e molto presente sulle tv locali campane. Se dopo tanti anni ricorda Jepson, Savoldi e Maradona, in quanto a chiagnere si associa ai napoletani. Sia indulgente con noi, molti la stimano e molti napoletani sono lontani dal clichè stereotipato che ci è stato cucito addosso. Con stima Antonio Mirabile

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media