Cerca

Appunto

Filippo Facci: Donne, in miniera

21 Ottobre 2016

1
filippo facci

filippo facci

Amiche delle quote rosa, è festa: il colosso minerario Bhp (Australia) vuole favorire la parità tra generi e ha detto che assumerà 21mila donne entro il 2025. Finalmente verrà abbattuto il muro di maschilismo (sessismo, machismo, a scelta) che impediva l' accesso a una professione secolarmente colonizzata dalla lobby maschile: lavorare in miniera, farsi un mazzo così a picconare nelle cave e nel sottosuolo, la stessa discriminazione che accoglieva solo maschi tra i sette nani (con qualche sospetto su Cucciolo) e che costringeva Biancaneve a casa a cucinare. Sino a oggi le donne avevano raggiunto una parità di presenza, se non superato gli uomini, soltanto in professionalità usuranti come magistratura, avvocatura, medicina e, con l' aiuto delle quote rosa, anche in politica e nei consigli di amministrazione delle società di Borsa: ma il conservatorismo maschile sbarrava i cancelli nei cantieri, nelle fonderie, nei pozzi petroliferi e appunto nelle miniere, anche grazie ad antiquate leggi che le «proteggevano» assieme ai bambini. Certo, la strada è ancora lunga, mancano all' appello quote rosa che reclamino presenze femminili tra gli operai edili e metallurgici, tra gli addetti alle trivellazioni e soprattutto tra i tagliaboschi. Ma la strada è segnata: c' è da invertire la sessuofobica percentuale che in Italia, per esempio, vede prevalere gli uomini nel 97 per cento dei casi. Dei morti sul lavoro.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    22 Ottobre 2016 - 10:10

    Diversi anni fa, le donne che lavoravano all'ENEL indissero uno scipero motivato dal fatto che c'erano poche donne dirigenti. Non ho mai sentito di uno sciopero femminile perchè c'erano poche donne operaie..!

    Report

    Rispondi

media