Cerca

Appunto

Filippo Facci: indagato latta

24 Dicembre 2016

0
Filippo Facci: indagato latta

Stai a vedere che ci siamo arrivati. Dopo decenni di ricatti della magistratura sulla politica, dopo lustri di giunte e governi sempre in ostaggio dei chiari di luna delle toghe, dopo anni a dipendere da avvisi di garanzia e registri degli indagati e sussurri di cancelleria o di redazione, insomma: dopo un' intera Repubblica passata a subire la cretinissima equazione indagato = sputtanato = vattene (e non importa se fosse per cazzate o per reati seri) stai vedere che questo Paese sta imparando a distinguere, a capire che indagato per un politico è come dire bagnato per un ombrello: prima o poi succede, ma tra una pioviggine e un tornado le differenze esistono. In questi giorni abbiamo il sindaco di Milano Sala indagato, il sindaco di Roma Raggi non indagato e - ultima di ieri - il ministro Lotti indagato: eppure l' unica indagata parrebbe la Raggi, al centro delle cronache e dell' attenzione - giustamente - perché appaiono più gravi la sua responsabilità, il reato contestato, le conseguenze pratiche e politiche, soprattutto l' inerzia della giunta rispetto alla drammatica situazione della Capitale. Il solito quotidiano manettaro, anni fa, al primo numero, esordì così: Indagato Letta. Ieri ha titolato: Indagato Lotti. Ma l' indagato era latta.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media