Cerca

Appunto

Filippo Facci: i Don Camilli

28 Dicembre 2016

2
Filippo Facci: i Don Camilli

Tra Stato legale e Stato criminale non dovrebbe esserci nulla, nessuna mediazione, neppure qualche parroco che si arroghi un ruolo da paciere. In breve: a Grumo Appula, in provincia di Bari, c' è un prete che insiste nel voler celebrare la figura di Rocco Sollecito, boss della 'ndrangheta ucciso nel maggio scorso e per il quale la Questura impose funerali alle 6 del mattino, vietando quelli solenni che il prete pretendeva. Già allora Don Michele Delle Foglie - è il suo nome - s' imbufalì e protestò. Ora insiste, e ha organizzato una messa proprio per oggi: l' ha annunciata con manifesti di grande vicinanza e sarà introdotta da mezz' ora di Santo Rosario. Il Don ha spiegato che il criminale era uno come tanti e che il fatto che ammazzino non conta e che dovremmo inchinarci di fronte al dolore. Ma si inchini lei, parroco delle mie foglie. Non fosse un abominio giuridico, ci sarebbe da rispolverare il concorso esterno in associazione mafiosa. Invece casi come questo non mancano: a Platì (Calabria) in primavera accadde la stessa cosa con Giuseppe Barbaro, affiliato all' omonimo clan e morto in galera. Il prete se ne fregò dei vincoli imposti ai funerali e il giorno stesso organizzò una messa a cui partecipò quasi tutto il paese. Ma i tempi di Camillo e Peppone sono finiti: andrebbe detto a quella Chiesa che organizzò i funerali di Vittorio Casamonica nella stessa parrocchia che negò le esequie a Piergiorgio Welby.

di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini1904

    28 Dicembre 2016 - 17:05

    Non sono d'accordo. Un prete è fatto per dire la Messa. Per chi nasce, per chi si sposa, per chi muore. Senza distinzioni. Gesù è morto fra due ladroni. Qualcosa avrà voluto pur dire.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    28 Dicembre 2016 - 15:03

    Filippo, quelli sono terroni, mica sono mai cambiati: ce l'hanno nel sangue la mafia.

    Report

    Rispondi

media