Cerca

Sinistra a pezzi

Antonio Socci: Pd partito defunto, è già pronto il funerale anche per Nicola Zingaretti

18 Giugno 2019

1
Antonio Socci: Pd partito defunto, è già pronto il funerale anche per Nicola Zingaretti

C'era chi cominciava a pensare che Pd significasse Partito Declinante. Ora c'è il sospetto che significhi Partito Defunto.
E non solo per la sequela di sconfitte elettorali in cui ha perso sei milioni di voti dal 2008 al 2018. Certo, il tracollo nel consenso è stato finora pesante e non basta al povero segretario Zingaretti confondere il «voto reale» col «voto percepito» (come si fa con il caldo).

Perché se alle Europee lui ha esultato per aver preso il 22% (con la desertificazione della sinistra che stava attorno al Pd), Renzi gli ha subito ricordato, perfidamente, che è un 22% che va rapportato al basso numero di votanti: nella realtà ha preso 100 mila voti in meno delle politiche del 2018, quando il Pd toccò il fondo. E pure nei disastrosi ballottaggi del 9 giugno è parso surreale che - di fronte alla perdita secca di 41 Comuni (mentre il centrodestra ne conquistava 40 in più) - Zingaretti abbia twittato: «Belle vittorie e belle conferme». Concludendo con un esilarante: «E siamo solo all' inizio».

In effetti i guai erano solo all' inizio. Infatti subito dopo è arrivata la tempesta relativa al Csm, con i furibondi scazzi nel partito (la Boschi ha dichiarato: «Sono arrivati più attacchi a Lotti dall' interno del Pd che dagli avversari politici»). Poi, in queste ore, la bufera è esplosa. Ecco la cronaca di Repubblica: «Dimenticare Matteo Renzi. Nel day after del ciclone Lotti, Nicola Zingaretti prova a rilanciare il Pd varando una segreteria che fa piazza pulita di tutti gli uomini vicini all' ex premier fiorentino». Commenta Alessia Morani: «Si passa dal partito del noi al partito loro». Poi aggiunge: «La segreteria varata da Zingaretti è l' esercizio di bullismo correntizio più potente mai visto dalla nascita del Partito democratico».

NAVICELLA ALLO SBANDO - Non poteva mancare Calenda il quale, dopo aver prospettato la fondazione di un altro partito 48 ore dopo essere stato eletto nel Pd, oggi sbotta: «Facciamola finita con questo cazzeggio. E quando vince Renzi lo sabotano da sinistra e quando vince Zingaretti si incazzano gli altri. Che palle 'sto partito. Ma andiamo a fare opposizione». Dicono sia finita la «pax zingarettiana», ma forse è proprio il Pd che sta finendo. Sembra infatti una navicella allo sbando, con mille risse in corso, senza timone e senza un' idea di dove andare.

Anche perché sono venuti a mancare tutti i riferimenti internazionali a cui da sempre il centrosinistra si è ancorato per essere legittimato dall' esterno, non avendo mai avuto un' identità. La stagione dei Clinton, di Blair e di Obama è finita da un pezzo e il Pd non vede leader stranieri a cui accodarsi. Oltreoceano c' è Trump che per il Pd rappresenta il Male.
Stessa cosa per Putin in Russia (archiviata la «fratellanza» comunista del Pci con l' Urss).

FALLIMENTO EUROPEO - L' ultimo ancoraggio internazionale tentato da Zingaretti ha fatto capolino nel surreale slogan delle europee "Da Tsipras a Macron". Subito archiviato vista la disfatta di entrambi, il greco e il francese, alle elezioni europee e la totale sfiducia manifestata dai loro popoli nei loro confronti. Macron - delegittimato da mesi di manifestazioni popolari, arrivato secondo alle europee dietro la Le Pen e con una percentuale minima per un presidente della Repubblica (22%) - ha provveduto pure, con la vicenda Fca-Renault, a mostrare, ancora una volta, quanto sia nazionalista, lui che in Italia, dalla sinistra e dai media mainstream, era stato presentato come il nuovo volto dell' Europa e dell' europeismo.

LE LODI ALLA MERKEL - Il Pd, negli anni scorsi, aveva osannato pure la cancelliera tedesca Angela Merkel, che non è affatto socialista, ma che serviva per bastonare Salvini. La Merkel era il simbolo delle porte aperte agli immigrati, la bandiera del «restiamo umani», da contrappore ai sovranisti cattivi.

Adesso tutto è stato spazzato via. Non solo per l' evidente nazionalismo tedesco che nella Ue continua a imporre la sua volontà e i propri interessi nazionali, ma anche per il giro di vite che la Germania ha dato proprio sull' immigrazione. Infatti se la Merkel aveva già dichiarato che il tentativo di creare una società multiculturale è «completamente fallito» (con tanti saluti ai multiculturalisti di casa nostra) adesso se ne sono tratte le conseguenze: il Bundestag ha approvato il cosiddetto Migration Paket che, scrive Gianandrea Gaiani, «prevede l' espulsione immediata dei migranti illegali, l' ampliamento della detenzione preventiva per chi entra illegalmente in Germania e il taglio del Welfare agli stranieri che potranno essere sottoposti a perquisizioni senza bisogno di mandato giudiziario».

Da sottolineare che queste misure sono state approvate con il voto della Spd, cosicché nemmeno l' ancoraggio socialdemocratco resta al Pd. Sono misure, aggiunge Gaiani, «che ben fotografano il crescente malcontento dei tedeschi nei confronti delle continue violenze compiute da immigrati illegali per lo più di religione islamica. Per comprendere come sia cambiata la Germania appena quattro anni dopo la "politica del benvenuto" rivolta dalla Merkel ai migranti illegali arrivati perlopiù dalla rotta balcanica, basti pensare che ora chi è privo del permesso verrà espulso fisicamente dal Paese».

Ma cosa sta accadendo già in questi mesi lo mostrava il titolo di apertura di Repubblica di ieri: «Migranti, il trucco tedesco. Sedati e spediti in Italia». Sottotitolo: «In 1200 già trasferiti nel nostro Paese. E Berlino vuole aumentare i voli. Le denunce: «In Germania calmanti ai profughi per impedire le rivolte, arresti davanti alle chiese». La cosa curiosa è che Repubblica, anche per questo totale capovolgimento tedesco, che segnala il fallimento dell' ideologia migrazionista, punta il dito su Salvini («Il fallimento della linea Salvini»): forse dovrebbe essere più duro e respingere questi arrivi? Nessuna autocritica - da sinistra - sulla mitizzazione della Merkel e della Germania e sulla retorica dell' accoglienza europea?

A conferma di questo capovolgimento europeo c' è il caso danese, dove la leader socialdemocratica Mette Frederiksen ha trionfato il 5 giugno annunciando «provvedimenti durissimi» per fermare l' immigrazione. Vuole inasprire la linea dei governi conservatori e punta addirittura allo «smantellamento» di tutti i centri per profughi e richiedenti asilo che sarebbero, a suo dire, «focolai di illegalità»: intende portare in Nordafrica i loro ospiti.

La leader socialdemocratica ha affermato: «Non è affatto eroico o misericordioso ammassare nel nostro Paese migliaia di immigrati di cui non conosciamo nulla e causare così enormi tensioni sociali nella nostra società. I problemi dei profughi non si risolvono spostando questi ultimi dalla loro patria in Europa, ma dando a costoro opportunità e speranze nei rispettivi Stati di origine».

Vi ricorda qualcuno? Ci saranno proteste delle nostre anime belle e degli organismi internazionali? No. Al Pd non resta più nemmeno la Ue dove va in scena una rissosa contrapposizione di interessi nazionali. Dove i governi italiani per anni sono andati a rimorchio di politiche altrui e oggi la Commissione Ue assume un atteggiamento punitivo perché non ravvisa la stessa sottomissione nell' attuale governo.

Lo fa capire un attento analista di centrosinistra come Luca Ricolfi il quale ha sottolineato che le regole (come quella del 3% del deficit) «sono state tranquillamente ignorate quando a violarle erano Paesi come la Francia e la Germania, ma, fatto a mio parere ancora più grave, nel caso dell' Italia sono state addolcite o inasprite a seconda che il governo fosse o non fosse in sintonia con il pensiero dominante a Bruxelles». L' unica possibilità di ripresa per il Pd è questa: decidersi finalmente a mettere l' Italia e gli italiani al primo posto, sia nelle politiche economiche, da difendere nella Ue, sia nelle politiche migratorie. Ma vorrebbe dire capovolgere le posizioni e diventare sovranista.

di Antonio Socci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • swiller

    18 Giugno 2019 - 10:03

    Finalmente una magnifica notizia per gli italiani.

    Report

    Rispondi

Greta Thunberg come una rockstar a Torino: così la svedesina ringrazia la folla

Boris Johnson, l'accoglienza trionfale a Downing Street dopo il trionfo al voto
Giuseppe Conte
Giorgia Meloni, il flusso del trionfo: "8 nuovi voti su 10 per Fratelli d'Italia vengono dal M5s"

media