Cerca

Il ricatto

Vittorio Feltri: "Erdogan è un farabutto ma se ci spedisce qua gli immigrati possiamo rimandarglieli indietro"

12 Ottobre 2019

0
Vittorio Feltri: "Erdogan è un farabutto ma se ci spedisce qua gli immigrati possiamo rimandarglieli indietro"

Adesso lo sappiamo: Erdogan, famoso farabutto, parla fuori dai denti e dichiara papale papale che, se noi gli rompiamo le scatole perché bombarda i curdi, ci scatenerà contro milioni di migranti provenienti da mezzo globo. Non stentiamo a credergli visto che egli è un essere spregevole e pronto a qualsiasi nefandezza. Noi europei come potremmo difenderci qualora certe minacce si trasformassero in realtà? C'è una sola via da percorrere: prendere sul serio il signore della Mezzaluna e trovare il modo di opporsi alle sue millanterie.

Magari rendendogli noto che noi, consapevoli del dramma della immigrazione, non intendiamo affatto subirla bensì governarla. Da millenni i popoli si trasferiscono in massa dalle zone più sfigate a quelle più ospitali, ma non è detto che debbano forzosamente essere inglobati in toto. Vanno respinti nel caso in cui non si posseggano i mezzi idonei per accoglierli decentemente, cioè senza sbatterli nelle periferie costringendoli a campare da reietti. In altri termini non è scritto da nessuna parte che l'Italia abbia l'obbligo di spalancare le porte a chiunque bussi. Siamo perfettamente in grado di rifiutare coloro i quali non siamo nelle condizioni di mantenere. 

Indubbiamente occorre avere la forza di chiudere i porti, e non solo i parti che hanno svuotato le culle, cui si deve il calo delle nascite, non compensabile concedendo spazio a chi proviene dall'Africa o dal Medioriente. Qui si tratta di applicare criteri logici, non in contrasto con i nostri interessi, al primo posto delle priorità nazionali.

Erdogan ci manda qua un milione di neri o di marroncini? Non ci importa un fico secco, ci tocca sbarrare i confini e rispedirli al mittente, senza temere le critiche francesi o tedesche. In giro per il mondo si diffonda la notizia che non siamo più all'altezza di essere ricettivi ovvero di portarci in casa chiunque aspiri a sbarcare il lunario da queste parti. Il problema è più semplice di quanto appaia: se smettiamo di salvare in mare chi sfida le onde prima o poi questi la smetterà di avventurarsi tra i flutti, e codesta storia dell'invasione finirà subito.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Liliana Segre, a Milano la marcia di solidarietà dei sindaci: "L'odio non ha futuro"

Matteo Salvini, messaggio ai giallorossi: "Il mio obiettivo è tornare al governo"
Zingaretti, l'amara ammissione sulla verifica di governo: "Dobbiamo ridare la fiducia agli italiani"
Mes, Giuseppe Conte: "Non temo il confronto con il Parlamento"

media