Cerca

Il commento

Feltri difende Grillo: "La condanna lo rende un martire"

4 Marzo 2014

8
Vittorio Feltri

"È uno scandalo che autorizza il condannato e i suoi proseliti a gridare alla persecuzione di stampo politico". Così Vittorio Feltri, dalle colonne del Giornale, commenta la recente notizia della condanna a 4 mesi di carcere per il leader del Movimento 5 stelle, Beppe Grillo. Condanna inaspettata, che ha colto di sorpresa un po' tutti, grillini in primis. Ma sembra che anche gli oppositori politici non abbiano apprezzato la decisione dei magistrati in questa situazione.

Il comico diventa un martire - Questa condanna, infatti, non piace nemmeno a Feltri, che certo non è un fan dei grillini. Alla fine, commenta il fondatore di Libero, "Grillo non ha picchiato, non ha sfasciato, non ha demolito, non ha fornito dinamite ai contestatori della ferrovia che dovrebbe attraversare la Valsusa: ha tolto dei sigilli a una baracca. Capirai che delitto." Non ha fatto niente di così drammatico da giustificare una condanna a 4 mesi. Eppure i giudici hanno deciso così, senza motivi apparenti. "Il guru pentastellato sarà quel che sarà, non piacerà a tutti - continua Vittorio Feltri -, ma ciò non è un buon motivo per rifilargli quattro mesi di galera. È inammissibile."

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavers

    24 Maggio 2014 - 19:07

    E' la riprova che ogni tanto c'è un giudice a Berlino che non guarda in faccia a nessuno. Forse è per merito di questi giudici indipendenti che questo Paese non sprofonda in una deviante e pericolosa anarchia.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    24 Maggio 2014 - 13:01

    Secondo me Feltri è diventato un po' grillino da quando il figlio lavora al fatto Quotidiano. Ma se è obiettivo non mi dispiace; il figlio mi sembra equilibrato, non come tanti adoranti davanti ai guru qualunque caxxata dicano

    Report

    Rispondi

  • forart.it

    05 Marzo 2014 - 11:11

    Invece deve starsene 4 mesi ai domiciliari (o servizi sociali), perché è un cittadino come gli altri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media