Cerca

Parata gay

Federica Sciarelli sarà la madrina del Roma Pride

12 Giugno 2015

14
Federica Sciarelli sarà la madrina del Roma Pride

Il Coordinamento Roma Pride ha annunciato  in una nota che la giornalista Federica Sciarelli, conduttrice della  trasmissione "Chi l’ha visto?" di Rai3, sarà la madrina che sfilerà  durante la parata per i diritti Lgbtqi che si terrà domani a Roma. Il corteo avrà inizio domani alle 16 da piazza della Repubblica per  arrivare a piazza Venezia: "Sono molto orgogliosa che mi abbiate
chiesto di essere con voi e sono felice di esserci", ha dichiarato  Sciarelli. "Mi porterò la Costituzione, così potrò leggere l’articolo 29, che riconosce i diritti della famiglia ma non specifica che la famiglia deve essere formata da un uomo e una donna. A quanto pare i  costituenti, con la loro carta dei diritti e dei doveri, devono aver  guardato più lontano di noi".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacinto.gpdimonderose

    02 Luglio 2015 - 15:03

    axiomatopia.....

    Report

    Rispondi

  • xmagister

    13 Giugno 2015 - 12:12

    La gentil signora non riesce nemmeno a immaginare che quando è stata scritta la Costituzione (1947), i termini "Famiglia" e "Matrimonio" avevano un solo e unico significato: quello che la famiglia è formata da un uomo e una donna; almeno fino al 1986. Ma, si sa che il desiderio di apparire sui media e magari trovare una visibilità per un futuro politico, spesso annebbia la mente.

    Report

    Rispondi

    • libero14

      libero14

      13 Giugno 2015 - 14:02

      È stata la mia prima reazione. Questa individua dall'alto dei suoi tacchi ci spiega che una tale fregnaccia, non essendo stata scritta esplicitamente, significa che era stata prevista.

      Report

      Rispondi

  • vincentvalentster

    13 Giugno 2015 - 09:09

    Cara Signora Sciarelli, all'epoca in cui fu redatta la Costituzione, il concetto di famiglia era uno solo: nucleo formato da uomo e donna. Non era necessario specificarlo, era ovvio, anche perché di ispirava ai dettami della Chiesa. Quindi è puerile e terribilmente banale e specioso affermare che l'art. 29 non specifichi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media