Cerca

La polemica

Gherardo Colombo: "La Rai si attrezzi per fare programmi sui gay"

L'ex magistrato è nel Cda di viale Mazzini e in prima persona lancia la campagna per un servizio pubblico gay-friendly: "Bisognare fare palinsesti su questi temi"

22 Giugno 2013

39
Gherardo Colombo

Gherardo Colombo

La svolta omo della Rai. Gherardo Colombo che siede nel cda della Rai su indicazione del Partito Democratico, è convinto che il servizio pubblico debba fare qualcosa per incentivare la programmazione su temtiche omosessuali: "Spero che ci si attrezzi per affrontare questi temi anche in Rai, le cui difficoltà sull’argomento mi pare siano lo specchio di una situazione più generale riguardante il riconoscimento di una serie dei diritti civili in Italia. A mio avviso facciamo fatica a parlare di questi argomenti e bisognerebbe riuscire a trovare il modo per affrontarli senza mentalità da schieramento, poiché il problema è rilevante e richiede dialogo, non contrapposizioni di parte". E aggiunge: "Quando si parla del riconoscimento di alcuni diritti civili è, inoltre, evidente che ci sono varie angolazioni del problema; oltre al tema delle adozioni per le coppie omosessuali, c’è, per esempio quello del fine vita, che coinvolge il riconoscimento di diritti di particolare rilievo”.

 La sua idea di una Rai gay friendly è però ostacolata dal Cda del servizio pubblico. Ma lui non molla: "Per quello che riguarda la Rai, il servizio pubblico, ritengo che sarebbe indispensabile che i temi che riguardano i diritti civili (e quindi, ad esempio, il superamento della discriminazione religiosa, della discriminazione razziale, dell’omofobia, e così via) dovrebbero diventare il punto centrale, l’ispiratore del senso complessivo della programmazione, il motore della creazione del palinsesto", racconta all'Huffingtonpost.

Più immigrati in tv - Infine Colombo vuole anche qualche programma in più sugli immigrati e i clandestini: "Secondo me è essenziale che la Rai si occupi, seriamente e con competenza, delle questioni riguardanti le persone sottoposte a restrizione di libertà, non soltanto i detenuti ma anche chi si trova nei cosiddetti centri di accoglienza. Lo deve fare con grande competenza e sfruttando le opportunità disponibili, comprese delle rubriche dedicate espressamente a questi temi". (I.S)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ggmleone

    09 Aprile 2015 - 18:06

    Cari amici di Renzi, ex votanti di destra, guardate Colombo e vedrete il vero PD di Renzi

    Report

    Rispondi

  • BER40

    24 Giugno 2013 - 09:09

    I campi di rieducazione del caro compagno Mao sono l'unica cura per certi consiglieri RAI!

    Report

    Rispondi

  • ATROPO

    23 Giugno 2013 - 23:11

    Non gli riesce "fare i trenini" senza rompere tanto i coglioni alla gente NORMALE che un culo così se lo fa...ma a lavorare ?????????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Juventus, arrestati dodici capi ultrà bianconeri. Le immagini della polizia

Giuseppe Conte ai 42 sottosegretari: "Serve dialogo con tutte le forze politiche per attuare il programma"
Lega a Pontida, tutte le stravaganze dei manifestanti
Matteo Salvini sale sul palco di Pontida, ovazione mai vista: "Se fate così mi commuovo"

media