Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gregoretti, Maria Giovanna Maglie contro Dagospia (per cui scrive): "Gregoretti, dovevano spogliarsi davanti al tribunale?)

  • a
  • a
  • a

“Il centrodestra fa finta di stringersi intorno all’ex Truce: anche Tajani e la Meloni sono andati a Catania per farsi un selfie”. Questo lancio irriverente di Dagospia su Matteo Salvini, che sta affrontando il processo per il caso Gregoretti, non è affatto piaciuto a Maria Giovanna Maglie. La giornalista si è espressa così: “Chissà perché, secondo Dago, andare a Catania vuol dire far finta. Che avrebbero dovuto fare? Uno strip-tease davanti al tribunale?”. Si ricorda che la Maglie scrive proprio per Dagospia. Questo è un po’ il gioco della critica a prescindere: probabilmente se il centrodestra non si fosse presentato compatto a Catania, in molti avrebbero parlato di spaccatura. Tra l’altro la prima udienza preliminare si è conclusa con un rinvio al 20 novembre, quando verrà sentito anche il premier Giuseppe Conte. Poi il 4 dicembre sarà la volta di Luigi Di Maio e di Luciana Lamorgese: il processo sta entrando nel vivo, ma vale la pena ricordare che la mattinata era iniziata con la procura di Catania che aveva chiesto nuovamente l’archiviazione. Ma siccome si tratta di Salvini, allora è stato disposto un ulteriore approfondimento istruttorio. 

 

 

Dai blog