Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Massimo Cacciari, non solo coronavirus: "Patrimoniale e tagli a stipendi e pensioni alte per evitare la crisi della seconda ondata"

  • a
  • a
  • a

In Italia non uccide solo il coronavirus, presto lo farà anche la crisi economica. Parola di Massimo Cacciari, che martedì sera a #Cartabianca si è commosso in diretta ascoltando le testimonianze di lavoratori che perderanno il posto e che alla Stampa concede un'intervista allarmante: "Lo vedremo meglio tra un po', quando finiranno cassa integrazione e blocco dei licenziamenti", spiega anticipando il crac d'autunno. 

 

 

 

Con la cassa integrazione non arrivata e il sostegno alle imprese a singhiozzo, gli italiani sono con l'acqua alla gola. E l'atteggiamento del governo al filosofo ed ex sindaco di Venezia non piace: "Queste valanghe di numeri su nuovi contagi e decessi, queste cifre che non vengono spiegate, percentualizzate, confrontate, creano un clima e hanno l'unico effetto di spaventare la gente. E invece il momento drammatico che abbiamo di fronte non è la seconda ondata, ma la fine di tutti i salvagente lanciati all'economia". Di fronte a licenziamenti e disuguaglianze in aumento, Cacciari ha una soluzione: "Il peso di questa crisi deve essere portato un po' da tutti. Un tempo avremmo detto per un principio di solidarietà. Si taglino, anche solo temporaneamente, gli stipendi più alti. Si riducano alcune di quelle pensioni delle quali si parla da anni. E poi: perché non una patrimoniale? Bisogna dividere i sacrifici tra tutti, mi pare evidente". Patrimoniale, parola che fa inorridire il centrodestra e che getta nel panico il governo, troppo debole dal punto di vista elettorale per accollarsi il peso di una misura così impopolare. "C'è un modo di sinistra di uscire da questa crisi - domanda Cacciari polemicamente - o, come al solito, a pagare devono essere sempre gli stessi? Io fino ad ora di sinistra non ho visto niente. E guardi che se non ci sono state ancora proteste in piazza è solo perché il sindacato è per l'80% un sindacato di pensionati e pubblici dipendenti".

 

 

Dai blog