Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Massimo Galli, l'affondo di Maria Giovanna Maglie: "La gente non muore di fame? Un insulto"

  • a
  • a
  • a

Nel mirino di Maria Giovanna Maglie ci finisce Massimo Galli, l'infettivologo del Sacco di Milano e prezzemolino televisivo, che sul coronavirus è tra i più allarmisti in assoluto. Il punto è che ieri, martedì 20 ottobre, a Galli è uscita una frase piuttosto infelice: "Non vedo morti di fame in giro, ma vedo morti di malattia negli ospedali". Fermo restando che la gente negli ospedali, per il Covid, ci sta morendo, appare un pochino azzardato dire che "non vedo morti di fame in giro". Altrettanto certo, la gente ancora non crepa perché non ha un tozzo di pane da mangiare ma disoccupazione alle stelle, ristoratori disperati e file chilometriche alla Caritas la dicono lunga sulla situazione drammatica in cui versiamo. E, come detto, la Maglie ha qualcosa da ridere a Galli. Lo fa su Twitter: "Ecco, questa è molto più di una frase disonesta, è un insulto", taglia corto la giornalista.

 

 

Dai blog