Cerca

Lazio

Gay: Scalfarotto, no a parata per impegni elettorali, il 28 pride a Londra

6 Giugno 2014

0

Roma, 6 giu. (Adnkronos) - Domani, alla parata per il gaypride in programma a Roma, "non ci sarò, fino a venerdì sono fuori per impegni elettorali. Se comunque dovessi partecipare, lo farei a titolo personale". Ivan Scalfarotto, sottosegretario alle Riforme e ai rapporti con il Parlamento, volto noto del Pd e dichiaratamente gay, salta l'appuntamento arcobaleno nella Capitale, "ma il 28 giugno penso di essere a Londra per la parata - spiega all'Adnkronos - ho abitato tanti anni lì, ho ancora tanti legami che mi avvicinano a quella città".

Nessun esponente del governo, salvo sorprese, prenderà parte alla sfilata arcobaleno, "non credo ci siano mai stati membri di esecutivi del passato che hanno partecipato al corteo". Ma il governo, assicura Scalfarotto, ha a cuore la questione Lgbt e, più in generale, la causa dei diritti e delle pari opportunità. "Ci sono su questo fronte una serie di cose in agenda", assicura il sottosegretario, rimarcando come "il governo sia in carica da soli 100 giorni. Circa due mesi e mezzo in cui ha dovuto affrontare, tra le tante cose, anche una campagna elettorale estremamente impegnativa".

"L'agenda dei diritti e della pari opportunità è pertanto un cantiere non ancora avviato, ma pronto a partire alla svelta", rimarca l'esponente dem. E anche il fatto che le deleghe del ministero delle Pari opportunità "siano nelle mani del premier la dice lunga - secondo Scalfarotto - vuol dire che la gestione è affidata alla persona più autorevole del governo". Nessuna casella mancante, come lamentano alcuni ambienti gay. Anzi. "Il fatto che le deleghe siano affidate a Matteo Renzi è piuttosto indicativo - osserva il sottosegretario - della sensibilità e dell'impegno del governo verso queste materie".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media