Cerca

Lo spettro che agita Palazzo Chigi

Governo, Fassina e Damiano: "Non dovevamo fare il governissimo"

Il neo-viceministro dell'Economia e il presidente della Commissione Lavoro pensano già ad affossare Letta. E ritorna l'incubo del governo Prodi...

10 Maggio 2013

14
Stefano Fassina

Stefano Fassina

di Sebastiano Solano

"Questo non è un governo di legislatura, nessuno di noi sta serenamente nell'esecutivo con il Pdl, il senso politico del governo Letta  è che è un governo di emergenza, eccezionale, che mette insieme forze che rimangono alternative". A dichiararlo è Stefano Fassina, che con queste parole suona il de profundis del governo di larghe intese guidato dal suo compagno di partito, Enrico Letta

Fassina contro Letta - Come dire, a volte ritornano. Ricordate il governo Prodi? Quello dove alcuni ministri approvavano provvedimenti e altri ancora, al contempo, scendevano in piazza a protestare contro quegli stessi provvediementi? Il copione è lo stesso. Appena nominato vice ministro dell'Economia, invece di occuparsi di come abolire l'Imu o di come abbassare le tasse sui cittadini e sul lavoro, il primo pensiero di Fassina è quello di sparare alzo zero contro il governo Letta, che già di per se si regge su un equilibrio a dir poco precario. 

Gli altri frondisti - Ma Fassina non è il solo. Già Rosy Bindi ha usato, se possibile, parole altrettanto dure nei confronti del governo Pd-Pdl. Senza contare l'ala movimentista del Pd - da Laura Puppato a Michele Emiliano, da Pippo Civati ai prodiani - da giorni in fermento e pronta a far saltare il banco alla prima occasione. A fare eco alle dichiarazioni di Fassina, sempre nel solco della tradizione inaugurata con il governo Prodi, è Cesare Damiano, appena nominato alla presidenza della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati. "Sono stato contro il governissimo e secondo me non dovevamo farlo perché è il contrario di quello che abbiamo spiegato ai nostri elettori in campagna elettorale", ha spiegato Damiano.

L'incubo del governo Prodi - A quanto ci risulta, però, Damiano non ha fatto così tante storie quando è stato nominato alla delicatissima Commissione Lavoro, dalla quale passeranno tutti i provvedimenti necessari  a risollevare dalla crisi economica imprese e lavoratori. Insomma, nel Pd si fa ormai a gara per distinguersi. E i primi sono prorpio quelli che hanno responsabilità di governo, che sono anche quelli politicamente più pericolosi. La domanda è sempre la stessa: ricordate il governo Prodi?. L'incubo si avvicina.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 19gig50

    11 Maggio 2013 - 01:01

    Al Presidente Letta: La Biancofiore per aver espresso un'opinione sui gay è stata rimossa e assegnata ad altro incarico. Questi affermano che le sue scelte sono sbagliate e criticano il suo operato che fa, li lascia al loro posto? Da buon pisano, mostriamo un po' di avere gli attributi.

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    10 Maggio 2013 - 22:10

    Questi intestarditi comunisti pensano veramente di essere moralmente superiori a tutti? Pensassero ai cittadini italiani che sperano che vengano affrontati e risolti i veri problemi della crisi economica delle famiglie.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    10 Maggio 2013 - 20:08

    con il Cav. oscuro non si può governare, è inaffidabile. invece, il Cav. che, a governare proprio non ci riesce, ma a fare politca si, aspetta sornione. I sondaggi crescono, la sinistra si incarta, la magistratura non sa più cosa inventare per piegare le regole a proprio uso e consumo, Grillo comincia a mostrare il suo vero volro, e le sue crepe, e lui aspetta. Un PD in crsi, senza idee, praticamente inesistente farà il lavoro sporco per lui!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Ondata di caldo, Venezia tra le città più afose d'Italia

Open Arms, la portavoce Ue Mock: "Sei paesi disponibili ad accogliere i migranti"
Nadia Toffa, piazza del Duomo di Brescia celebra i funerali della conduttrice
Matteo Salvini, frecciatina a Pd e M5s: "Noi non abbiamo paura di perdere la poltrona"

media