Cerca

Bandiera bianca

Matteo Salvini, frase rubata dopo il vertice sulla manovra: "Ulteriori tagli", tutta l'amarezza del Capitano

17 Dicembre 2018

0
Matteo Salvini, frase rubata dopo il vertice sulla manovra: "Ulteriori tagli", tutta l'amarezza del Capitano

"Accordo su tutto". Matteo Salvini lascia in tarda serata Palazzo Chigi, dopo il vertice sulla manovra con il premier Giuseppe Conte e il leader dell'M5s Luigi Di Maio. Nella sua voce però non c'è traccia di euforia e la soddisfazione lascia spazio alla stanchezza e forse all'amarezza. "Uno legge i giornali, si dimette tizio, si dimette quello, avete una grande fantasia", ironizza il vicepremier leghista con i cronisti che lo circondano, smentendo i retroscena che già in serata circolavano sulle minacce di dimissioni di Conte.

La smentita del Capitano non cancella però la sensazione che i due vicepremier si siano dovuti arrendere ai tagli su Quota 100 e reddito di cittadinanza perché si sono ritrovati con le spalle al muro dopo l'accordo tra Conte e il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker. D'altronde, la riduzione del deficit dal 2,4% al 2,04% è dolorosa e ha comportato inevitabili e pericolosi sacrifici. Non a caso, Salvini si congeda con una punta polemica: "Abbiamo trovato un accordo su ulteriori riduzioni fiscali, auspicabilmente gradite alla Commissione europea". Come dire: più di questo, non possiamo fare.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media