Cerca

Tagli (per gli altri)

Luigi Di Maio il ministro che spende di più: quanti soldi chiede per mantenere il suo Ministero

18 Dicembre 2018

0
Luigi Di Maio il ministro che spende di più: quanti soldi chiede per mantenere il suo Ministero

I grillini e i tagli ai costi della politica? Sì, mai coi Ministeri degli altri. È Luigi Di Maio a dominare la classifica delle spese per ogni singolo Dicastero: secondo i dati riportati da Repubblica ed estratti dalle tabelle della Finanziaria, il Ministero dello Sviluppo economico ha previsto per il 2019 un esborso di 76,5 milioni, budget che diventa di 86,5 milioni se si aggiunge l'altro Ministero retto dal capo del M5s, quello del Lavoro. Nelle spese rientrano le voci relative alle retribuzioni di ministri e sottosegretari, Gabinetti e staff, previdenza, viaggi in Italia e missioni all'estero, noleggio di mezzi di trasporto, eventi di rappresentanza, convegni, seminari. 

Di Maio, insomma, è di gran lunga il più spendaccione e precede la titolare della Difesa Elisabetta Trenta (tecnica d'area grillina) con 62,2 milioni di spesa preventivata e l'altro grillino Alfonso Bonafede alla Giustizia (52 milioni). Solo quarto il primo leghista, Gian Marco Centinaio all'Agricoltura (47 milioni). E Matteo Salvini? A metà classifica con i soli 27 milioni richiesti per il 2019 per far andare avanti un ministero cruciale come quello degli Interni

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media