Cerca

Intervista a Libero

Elisabetta Gardini: "Io umiliata da Antonio Tajani e Silvio Berlusconi non mi ha nemmeno chiamata"

16 Aprile 2019

0
Elisabetta Gardini: "Io umiliata da Antonio Tajani e Silvio Berlusconi non mi ha nemmeno chiamata"

«Un Pd 2.0. Ecco cosa è diventata Forza Italia: un Pd 2.0. Anzi, peggio: almeno lì mangiano carne chianina». 

Scusi Elisabetta Gardini, che c'entra la carne adesso?
«Ma le ha lette le dichiarazioni dei forzisti contro l'abbacchio pasquale? Scriva: Forza Italia è diventata un Pd 2.0 vegano».

Fresca di addìo - rumoroso - al partito con il quale ha passato le ultime tre legislature al Parlamento europeo, Gardini - parole sue - è «furibonda. Questo fine settimana mi servirà per sbollire la rabbia».

E poi? Parteciperà alle elezioni europee del 26 maggio? E in quale lista?
«Per queste domande, al momento, non ho risposte».

È vero che si sta avvicinando a Fratelli d' Italia?
«Sono solo illazioni giornalistiche. In questi giorni, comunque, mi stanno chiamando in tanti...».

Anche Silvio Berlusconi?
«No, non mi ha chiamato. Io, in ogni caso, avrei voluto sentirlo prima e l' ho cercato. Invano».

Per dirgli cosa?
«Avrei voluto anticipargli la mia scelta di lasciare Forza Italia. Gli avrei spiegato i motivi. Non è stato possibile. Del resto lo tengono in quarantena, l' hanno esautorato, stendendo intorno a lui un cordone sanitario. Se non fosse stato per Berlusconi, l' unico che parla ancora dei valori "popolari", sarei andata via molto prima. Invece ho resistito fino alla fine. Nonostante Tajani».
Allora è vero che alla base della sua uscita ci sono anche le frizioni con il presidente dell' Europarlamento.
«Tajani mi ha "mobbizzato", mi ha umiliata, non rispettando mai il mio ruolo di capogruppo. Per non parlare delle sue mille gaffe in giro per l' Europa».

A cosa si riferisce?
«Alle rivendicazioni sull' Istria e la Dalmazia di fronte a croati e sloveni; alle frasi su Mussolini; al fatto che secondo lui "l' 80% delle auto tedesche non fatte in Italia". Tajani ignora tutto ciò di cui parla e non si rende conto del ruolo che ricopre».

Gaffe a parte, cosa rimprovera al vicepresidente di FI?
«Il fatto che sia diventato la vestale, il custode di questo europeismo. Tajani è come Guy Verhofstadt (il leader europeista belga anti-sovranista, ndr). Per me, tenere la barra dritta rispetto ai valori, autenticamente popolari, di Forza Italia è stato faticoso».

Così ha levato le tende.
«Io, fedele ai valori del partito, quelli scritti sulla nostra "carta" e sui programmi, mi sentivo fuori linea».

Come quando, in solitudine, ha partecipato al Congresso mondiale delle famiglie a Verona?
«Lì doveva esserci Forza Italia. Quelli sono i "nostri" valori, i valori del Ppe».

Invece?
«Ho scoperto che erano solo specchietti per le allodole. Forza Italia è vittima di una deriva che le ha fatto perdere il contatto con la propria base: ha cambiato pelle, è diventato un movimento elitario, guidato da dirigenti radical chic ingioiellati che ricorrono alla chirurgia estetica».

In tutto questo Berlusconi che ruolo ha giocato?
«Questo gruppo dirigente a lui diceva una cosa; poi, appena il presidente si girava dall' altra parte, faceva tutt' altro. Ci sono parlamentari di Forza Italia che sono saliti sui barconi dei migranti, che supportano il gender.
La verità è che Berlusconi è rimasto vittima di un colpo di Stato, come in occasione delle liste per le Politiche del 2018. Io so com' è andata».

E come è andata?
«Il presidente aveva promesso ad alcuni parlamentari europei che sarebbero stati candidati. Deputati bravi, capaci. Poi al tavolo per la stesura delle liste, al quale da capogruppo europeo non sono stata invitata, Tajani non li ha difesi per favorire i suoi fedelissimi. Berlusconi ha avallato una lista, ma sulla scheda elettorale ne è comparsa un' altra».

A proposito: che ne pensa del Cav che torna in pista alle Europee?
«Tajani ha preteso che non si candidasse nel Centro Italia, dove deve essere lui il capolista. Così come non ha voluto Alessandra Mussolini. Vedrete che tonfo...».

Dopo le Europee che futuro vede per Forza Italia?
«Matteo Salvini non farà mai un governo con "questa" FI. Ergo: facciamola morire in fretta e favoriamo la nascita di qualcos' altro».

di Tommaso Montesano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Elezioni nel Regno Unito, le voci dei londinesi: "Speriamo in una soluzione sulla Brexit"

Salvini spara contro i Cinquestelle: "M5s ha perso il suo popolo per abbraccio mortale con il Pd"
Mes, Luigi Di Maio attacca la destra: "Facciamo chiarezza". E lo spiega con un disegnino
Matteo Renzi sul caso Open: "Quel giustizialismo peloso, non lasciamo che il pm faccia un'azione politica"

media