Cerca

Fermi tutti

Matteo Salvini, la telefonata intercettata al big leghista: "Preparati, a ottobre si vota"

20 Aprile 2019

0
Matteo Salvini, la telefonata intercettata al big leghista: "Preparati, a ottobre si vota"

Arriva dalla Sicilia l'indiscrezione sul futuro del governo Conte e sulla tenuta del patto Lega-M5s. Che l'esecutivo abbia i giorni contati, lo si intuisce dagli scontri ormai diventati violentissimi tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Salvo poi sentire i due vicepremier rassicurare in ogni dove che nessuno ha intenzione di staccare la spina all'esecutivo. Sarà anche così, ma nessuno dei due sembra intenzionato a scommettere un solo centesimo che il governo possa superare indenne l'estate.

Da una telefonata tra Salvini e un dirigente leghista in Sicilia sarebbero emerse informazioni molto importanti per chiarire i dubbi sulla tenuta del governo, come riporta un retroscena del Corriere della sera. Il leader della Lega ha dovuto chiamare l'assessore al comune di Catania, il rampante Fabio Cantarella, che già si sentiva candidato alle prossime Europee. Salvo poi vedersi negare il posto in lista a favore di Angelo Attaguile. Cantarella aveva già ricevuto rassicurazioni sul suo futuro dal commissario leghista in Sicilia: "Sarà valorizzato", aveva detto Candiani. Poi è arrivata una conferma clamorosa dal ministro dell'Interno: "Sarai il nostro capolista per il Senato". Cantarella però non dovrà aspettare quattro anni per vedersi valorizzato: "E preparati perché si vota a ottobre".

La strategia di Salvini per i prossimi mesi comincia a prendere forma, come già anticipato dal Messaggero nei giorni scorsi, con i dirigenti leghisti pronti allo strappo al primo segnale dal vertice: "Se alle Europee noi superassimo il 30%, potremmo tentate di correre soli alle Politiche". L'ultimo sondaggio di Pagnoncelli certifica la Lega quasi al 40%, i tempi sembrano più che maturi.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media