Cerca

Ma per piacere

Danilo Toninelli, delirio su Armando Siri: "Perché gli ho ritirato le deleghe", da mani nei capelli

21 Aprile 2019

1
Danilo Toninelli

Nei giorni caldissimi dell'indagine su Armando Siri, dopo avergli tolto le deleghe, parla l'improbabile ministro Danilo Toninelli. Lo fa in un'intervista al Corriere della Sera, dove fa il punto della situazione politica, assai complessa. Ed è subito delirio: "Innanzitutto mi faccia dire che la sospensione delle deleghe non è un atto politico Siri - afferma -, ma a tutela delle istituzioni e persino a salvaguardia del suo diritto di difesa". Insomma, il ritiro delle deleghe non sarebbe un atto politico: roba da ridere. Dunque, Toninelli invoca ancora le dimissioni del leghista: "Sarebbe auspicabile che si difendesse da semplice senatore, è una questione di opportunità politica". Notevole anche la risposta che Toninelli offre quando, dopo aver snocciolato le cifre relative ai sondaggi, gli viene chiesto perché a suo parere in un anno i rapporti di forza tra Lega e M5s si sono ribaltati: "Vedo in giro anche stime diverse - premette senza però dire di quali stime stia parlando -. Al netto del valore relativo dei sondaggi, noi ai cento metri preferiamo la maratona che meglio si attaglia a un governo che durerà per cinque anni". Convinto lui...

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17'

    21 Aprile 2019 - 17:05

    Tranquillo Danilo, la prossima fermata, per te ed i tuoi simili, sarà il capolinea. Tornerai a lavorare in ufficio senza più problemi per te e soprattutto per gli italiani tutti.

    Report

    Rispondi

Giorgia Meloni svela il vero obiettivo di Conte: "Salvare le poltrone del M5s"

Giuseppe Conte entra in Senato, applausi e strette di mano con i ministri 5 stelle. Gelo con i leghisti
Giulia Bongiorno: "Lega compatta, se c'è stata una rottura coi 5 stelle è solo perché vogliamo fare bene"
Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

media