Cerca

L'emorragia grillina

Matteo Salvini, i flussi alle Europee: quanti voti ha "rubato" al M5s e Luigi Di Maio

27 Maggio 2019

1
Matteo Salvini, Luigi Di Maio

Dietro la vittoria schiacciante della Lega di Matteo Salvini alle elezioni Europee c'è un importante flusso di voti che dal Movimento Cinque Stelle è passato al Carroccio. Secondo i dati dell'istituto Ixè, quasi un elettore su quattro che ha votato la Lega il 26 maggio, nel 2018 alle Politiche aveva scelto la lista grillina.

Quella pentastellata è stata una vera e propria emorragia di voti, intercettata quasi per intero dalla Lega, con la complicità dell'alta astensione che colpito più i grillini di altri nella circoscrizione Meridionale. Stando ai dai Ixé, tra i 9,1 milioni di voti raccolti dal Carroccio, pari al 34%, quasi due milioni, 1,8 milioni per la precisione, possono essere considerati voti rosicchiati al M5s. La Lega ha grattato preferenze anche a Forza Italia, con 832mila elettori passati da Berlusconi lo scorso anno a Salvini. In più il vicepremier leghista ha saputo riportare al voto gli astenuti del 2018: quasi un milione che alle Politiche non aveva votato, nel 2019 ha deciso di tornare nei seggi e mettere una croce sulla Lega.

Prendendo in analisi i flussi di voti che hanno determinato la sconfitta del M5s, spiccano quelli fuggiti verso il Partito democratico di Nicola Zingaretti. Dei 6 milioni di voti raccolti dalla lista dem, circa 500mila sono stati recuperati dai grilllini. In più, poco meno di un milione di elettori che nel 2018 aveva scelto partiti diversi da Forza Italia, Lega e M5s, stavolta ha dato la sua fiducia al Pd. In pochissimi, non più di 360mila, hanno invece fatto il percorso inverso scegliendo il M5s.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gian49

    28 Maggio 2019 - 11:11

    Disastro Di Maio : 1) apertura all'immigrazione clandestina secondo Fico/Bergoglio/Trenta 2) l'ostinazione contro la TAV . Tutto il resto è secondario.

    Report

    Rispondi

media