Cerca

Rissa

Matteo Renzi sbrocca con Mario Monti: "Basta balle, chiacchierone. Tu, con Salvini e Di Maio..."

16 Giugno 2019

0
Matteo Renzi, Mario Monti

Durissimo scontro a distanza tra Matteo Renzi e Mario Monti. Scontro in cui è difficile da che parte stare. Tutto nasce perché l'ex premier si sente chiamato in causa da un articolo del Loden pubblicato oggi, domenica 16 giugno, sul Corriere della Sera. Renzi passa al contrattacco su Facebook, dove scrive: "Oggi l'ex premier Mario Monti ha scritto un lungo articolo sul Corriere della Sera per dire che la flessibilità ottenuta dal mio Governo è stata un errore. I numeri, per carità, facciamo parlare i numeri! Con l'austerity di Monti l'Italia è andata al -2.3% di Pil, c'erano 22 milioni di occupati, la pressione fiscale è aumentata a cominciare dall'Imu, il rapporto debito/Pil è peggiorato di circa 15 punti percentuali. Con la nostra flessibilità, siamo arrivati a +1.8%, gli occupati sono diventati 23 milioni, la pressione fiscale è diminuita a cominciare da Imu e Irap, il rapporto debito/PIL è rimasto stabile". E ancora, Renzi rincara: "Monti pontifica tutti i giorni sul Corriere e in Tv ma non dimentichiamoci mai questi dati. Del resto Monti ha votato No al referendum costituzionale e Sì al Documento Economico Finanziario di Salvini e Di Maio. Della serie: dimmi come voti e ti dirò chi sei. Ho chiesto al Corriere di avere domani diritto di replica. Perché è l'ora di finirla con le fake news: i fatti sono argomenti testardi. E i tecnici dovrebbero imparare a rendere conto dei numeri anziché delle chiacchiere". Parole durissime, quelle del fu rottamatore contro il Loden. Uno scontro tra "colossi"...

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luca Zaia: "Basta insulti ai veneti, il mio compito è difenderli. Ora quereliamo"

Vincenzo De Luca: "Dialogo con il M5s? Non parlo più di politica politicante, solo fatti concreti"
Alessandro Morelli: "I 5s aprivano scatolette di tonno, gli altri sono figli delle sardine: un governo ittico"
Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

media