Cerca

politica

La proposta: a Salvini il Nobel per la Pace

Ad avanzarla la vicecapogruppo del partito di estrema destra AfD

20 Giugno 2019

0
La proposta: a Salvini il Nobel per la Pace
Ad avanzarla la vicecapogruppo del partito di estrema destra AfD

Berlino, 20 giu. (AdnKronos) - Matteo Salvini dovrebbe ricevere il premio Nobel per la Pace per il suo "grande contributo alla sicurezza e alla stabilità dell'Europa". A proporre di candidare il vicepremier italiano per il prestigioso riconoscimento è Beatrix von Storch, vicecapogruppo di Alternativa per la Germania (AfD) al Bundestag. Secondo l'esponente del partito populista di destra tedesco, Salvini "ha condotto una politica efficace di stabilità per l'Europa e per il salvataggio di migliaia di vite, un esempio che gli altri dovrebbero seguire".

Von Storch, che è stata un'eurodeputata ma ha lasciato il Parlamento europeo dopo aver vinto un seggio nelle elezioni nazionali tedesche del 2017, nella dichiarazione rilasciata oggi ha affermato che "chiudendo le frontiere dell'Italia, Salvini ha fermato con successo l'immigrazione clandestina in Europa e l'industria del del traffico di migranti, mostrando quali politiche oneste e determinate si possono ottenere". "L'industria dei profughi con le sue navi non deve continuare a fare affari sporchi con la speranza di arrivare in Europa", ha concluso l'esponente del partito populista.

Il ministro degli interni e leader della Lega è noto per la sua forte posizione anti-immigrazione. Salvini ha anche ripetutamente negato lo sbarco nei porti italiani alle navi di soccorso delle Ong che trasportavano i migranti salvati in mare.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media