Cerca

pericolo imminente

ArcelorMittal, il vero piano di Luigi Di Maio e Gianluigi Paragone: cacciarli per nazionalizzare l'Ilva

6 Novembre 2019

3
Luigi Di Maio, Gianluigi Paragone

La questione Ilva non rappresenta un problema solo (per modo di dire) per quei 10mila italiani che resteranno senza lavoro e per quel Paese che si vedrà sottratto dell'1,4 per cento del Pil. Il sito di Taranto è un cavillo anche per il governo e, in particolar modo, per i Cinque Stelle che da sempre si sono prodigati in promesse mai mantenute. Prima con Luigi Di Maio, in veste di ministro dello Sviluppo economico, ora con Stefano Patuanelli suo successore, con il quale condivide non solo gli stessi ideali (entrambi grillini) ma anche l'incompetenza in materia. 

Così i pentastellati pensano a una soluzione: la nazionalizzazione. Secondo Giuseppe Turani "i Cinque Stelle non vogliono che l'Ilva passi di mano (a ArcelorMittal) perché pensano che la soluzione migliore sia la statalizzazione". Solo così - per la firma del Giorno - il Movimento raggiungerebbe il suo vero scopo, quello di chiudere i battenti dell'Ilva una volta per tutte. Non a caso, nelle ultime ore, l'ipotesi della nazionalizzazione è stata rilanciata anche da Gianluigi Paragone. 

"I 5 stelle, sapendo che inseguono un sogno assurdo (una società quasi silvo-pastorale), non vogliono la libera concorrenza, la competizione, perché questo comporta che i giocatori siano tanti e non tutti controllabili" spiega Turani. D'altronde un Movimento nato come protesta come può non volere quelle società che ai tempi erano "crudeli, povere e sessuofobiche". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlito58

    07 Novembre 2019 - 05:20

    si certo .... nazionalizzare l'ILVA ..... e poi si svegliano .... uuuhhh era solo un sogno ..... ma per favore. Certo che sarebbe da fare ... e anche con molte altre cose ... ma noi purtroppo come stato italiano non siamo in grado di farlo con la gente che abbiamo ....

    Report

    Rispondi

  • frank44fausto

    06 Novembre 2019 - 23:36

    Devono sparire i grillini. Questo se l’Italia e gli italiani vogliono salvarsi dal precipizio della distruzione industriale italiana. Nonché del lavoro.

    Report

    Rispondi

  • timpidigunte

    06 Novembre 2019 - 21:56

    Non si può mollare, come detto, una patata bollente, agli altri. sperando che ti risolvano i tuoi problemi. Se sei serio li aiuti in tutte le maniere. Ma se le stelle pd ed i magistretti ideologici comandano, .....(Se qualcuno vuole capire capisce) allora facciamo TARANTOLAND o Cozzaland e buona fortuna a migliaia di famiglie a casa.

    Report

    Rispondi

Matteo Salvini da Bechis: "Conte in gita a Londra mentre l'Ilva affonda"

Plastic e sugar tax, Vittorio Cino (presidente Assobibe): "Per noi sono una rovina, il governo ci ripensi"
Governo, Nicola Zingaretti: "Ora basta polemiche, scommettiamo di più sulla manovra"
Regionali, Matteo Salvini: "In settimana incontro con Silvio Berlusconi, dobbiamo farci trovare preparati"

media