Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Di Maio disperato, i grillini passano alla Lega e lui si appella ai magistrati: "Potreste indagare Salvini"

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Luigi Di Maio si è evidentemente sentito parecchio toccato dai rumors sui cinque grillini pronti a passare alla Lega, perché non appena ne ha avuto modo ha subito replicato. "Matteo Salvini ha capito che questo governo va avanti e ha deciso di aprire il mercato delle vacche: mi auguro che non partecipi nessuno". Peccato però che a riferire le voci girate quest'oggi sono stati gli stessi senatori impegnati nella discussione sul Mes e non il leader leghista che, anzi, ha riferito "di non aspettare nell'immediato alcun passaggio".  Leggi anche: M5s, Stefano Lucidi annuncia l'addio in diretta a Tagadà: "Vado con Salvini" Ma il leader del Movimento 5 Stelle, ormai preso di mira da tutti, ha preferito usare la strategia dell'attacco piuttosto che quello della difesa e, sempre contro la Lega ha detto: "Stiamo vedendo quello che provava a fare Berlusconi ai tempi di De Gregorio. Se ci dovessero essere gli estremi, le autorità giudiziarie verificheranno il tutto". Il ministro degli Esteri tira in ballo Silvio Berlusconi e la sua ipotetica compravendita di senatori senza considerare che su questa questione la Cassazione ha confermato la prescrizione. A quanto pare il titolare della Farnesina non riesce proprio ad accettare che i suoi sono delusi da un Movimento sempre più assoggettato dal Pd. 

Dai blog