Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sardine, il paradosso in Emilia Romagna: se il Pd perde, Mattia Santori e compagni spariscono

Gabriele Galluccio
  • a
  • a
  • a

Il voto in Emilia Romagna non è più una semplice elezione regionale, ma è diventato una resa dei conti. Lo dice chiaramente il Corriere della Sera che, nell'edizione del 26 dicembre, traccia il punto della situazione con Marco Imarisio, inviato a Bologna. Il quale definisce bene il "paradosso" delle Sardine. Nate dal nulla con grande tempismo e con un'organizzazione a dir poco sospetta per fare le veci del Pd e disturbare la campagna elettorale di Matteo Salvini, le Sardine di Mattia Santori e compagni sono già ad un punto di non ritorno. "Se la Lega dovesse vincere - sottolinea Imarisio sul Corsera - sarebbe difficile non pensare che anche le Sardie sono state sconfitte. A casa loro. I quattro fondatori hanno girato intorno a questo dilemma, fissando nuovi orizzonti e rivendicando il fatto di essere stati comunque un antidoto contro l'astensione a sinistra. Non è detto sia sufficiente. Se cade l'Emilia - chiosa Imarisio - si potrebbero chiudere due stagioni. Una molto lunga, l'altra molto breve". Per approfondire leggi anche: Santori, amara confessione: "Il momento più brutto"

Dai blog