Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Claudio Borghi, paura per il post-coronavirus: "Petrolio sotto i 20 dollari? Gran casino geopolitico"

  • a
  • a
  • a

La preoccupazione va sempre lì: al dopo-coronavirus. Claudio Borghi non nasconde un certo timore per il futuro e su Twitter si sfoga così: "Noi ricominceremo a produrre... non vedo altrettanto bene gli emerging markets e gli esportatori di materie prime. Petrolio sotto i 20 dollari al barile significa un gran casino geopolitico". scrive l'economista della Lega.

 

D'altronde a febbraio le importazioni di petrolio su scala mondiale sono diminuite rispetto allo stesso periodo nello scorso anno di 4,2 milioni di barili/giorno. In parole povere il 10 per cento della domanda mondiale di importazioni è sparita. Dettaglio, questo, che fa vedere al ribasso la previsione per il 2020. Esattamente come nel 2009, la nuova "grande recessione". Un vero incubo rivelato anche da Coldiretti che, nell’ultima settimana, non ha potuto fare a meno di notare una corsa a beni essenziali. Al punto che in Russia le quotazioni del grano hanno addirittura superato quelle del petrolio.

 

Dai blog