Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giuseppe Conte e Attilio Fontana, botta e risposta su Nembro e Alzano: "La Regione poteva creare zone rosse", "Colpa di entrambi"

  • a
  • a
  • a

È ancora scontro Giuseppe Conte-Lombardia. "Non vi è argomento da parte della Regione Lombardia per muovere contestazioni al Governo nazionale o ad altre Autorità locali. Se la Regione Lombardia ritiene che la creazione di nuove zone rosse andava disposta prima, con riguardo all’intero territorio regionale o a singoli comuni, avrebbe potuto tranquillamente creare 'zone rosse', in piena autonomia. A conferma di questo assunto i rileva che la Regione Lombardia ha adottato – nel corso di queste settimane – varie ordinanze recanti misure ulteriormente restrittive, le ultime delle quali il 21, il 22 e il 23 marzo 2020”. Questo il testo di un una nota inviata a Tpi.it  da parte della presidenza del Consiglio in merito alle polemiche relative alla mancata creazione di una zona rossa nei comuni di Alzano e Nembro nel bergamasco.  "Altre Regioni - si legge ancora - come il Lazio, la Basilicata e la Calabria" hanno creato 'zone rosse' con ordinanza nei loro territori "limitatamente a specifici comuni".

 

 

Una dichiarazione che non è piaciuta al governatore Attilio Fontana: "Ammesso che ci sia una colpa - ha detto al Tg4 - la colpa eventualmente è di entrambi, io non ritengo che ci siano delle colpe in questa situazione". E ancora: "Forse su Alzano si sarebbe potuto fare qualcosa di più rigoroso ma dopo che era stata istituita una zona rossa" in tutta la Lombardia "noi non avevamo neanche da un punto di vista giuridico modo di intervenire".

Dai blog