Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guido Crosetto, il "messaggio" a Sergio Mattarella: "Parlamento mai così fluido, perché non dare il mandato al centrodestra?"

  • a
  • a
  • a

A fare il punto sulla situazione politica, sulla crisi in atto e sulle manovre di Giuseppe Conte per strappare una nuova maggioranza, ospite in collegamento a Omnibus su La7, ci pensa Guido Crosetto: "Mi pare evidente che si stia andando incontro alla ricomposizione della maggioranza che sosteneva Giuseppe Conte fino a qualche settimana fa, rafforzata da qualche responsabile. Il tema è vedere come la possano rimettere insieme: le problematiche poste da Matteo Renzi erano sostanziali, non soltanto di forma. Una su tutti il Mes", premette il gigante di Fratelli d'Italia. Insomma, si viaggia verso un Conte-ter. Che, però, sarà un disastro.

 

Dunque, Crosetto, sembra quasi rivolgersi a Sergio Mattarella: "Il clima è molto fluido. Io sono convinto che se dessero l'incarico al centrodestra, questo troverebbe una maggioranza al Senato. Sto parlando per assurdo, ma il Parlamento non è mai stato così fluido. Abbiamo un via-vai di deputati e senatori in cui lo spostamento avviene in base a chi ha in mano lo scettro. L'interesse è quello di sopravvivere personalmente, mentre dovrebbe essere quello di far sopravvivere il Paese". Insomma, il messaggio è chiaro: tutti sono pronti a stare con tutti pur di avere la poltrona. A questo punto, perché non dare l'incarico a un centrodestra che nelle sue tre componenti principali - Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia - ha per certo una coesione e una unità di intenti molto maggiore rispetto a ogni altra combinazione possibile?

 

E ancora, il fondatore di FdI esprime altre sue perplessità sulla nascente maggioranza, quella che tra mille difficoltà sembra delinearsi: "Sono inutili 209 miliardi come 500 miliardi se inseriti nell'Italia di oggi: è come buttare dei semi sull'asfalto. L'Europa chiede la riforma di burocrazia e giustizia, ma se non vengono fatte il motore non può girare. Per questo serve una maggioranza solida con un programma condiviso da tutti. Con una nuova maggioranza uguale a quella vecchia, il Paese non so che processi avrà: giusto oggi il Fmi ha tagliato del 50% le stime di crescita che avevamo fatto per l'anno prossimo. Non so se ci si rende conto dello scenario non politico, ma sociale ed economico che abbiamo davanti", conclude Guido Crosetto.

 

Dai blog