Cerca
Logo
Cerca
+

Roma: dalla Dolce Vita ai prodotti antimafia, la rinascita del Cafe' de Paris

default_image

Cronaca

  • a
  • a
  • a

Roma, 19 dic. (Adnkronos) - Un 'brindisi della speranza'. Uniti per la legalita' e per fare sistema contro le mani delle cosche. Nel Cafe' de Paris di Roma, luogo storico della Dolce Vita, che tra i suoi tavolini ha ospitato Federico Fellini, Frank Sinatra e Domenico Modugno, dove prima si beveva il caffe' della 'ndrina entrano ora i prodotti di 'Libera Terra', frutto del lavoro dei giovani delle cooperative che gestiscono i terreni confiscati ai mafiosi. L'iniziativa e' stata presentata questa mattina, nei locali di via Veneto. Nello storico locale confiscato alla 'ndrangheta, arrivano cosi' l'olio calabrese, il vino Centopassi di Corleone e a breve anche le mozzarelle di bufala dalle terre di don Peppino Diana. ''E' il brindisi della speranza. E speranza vuol dire opportunita': ha il volto dei progetti concreti e della giustizia sociale'', ha detto il presidente di Libera, don Luigi Ciotti. ''Questo -ha spiegato- e' un segno concreto di impegno quotidiano che da' buoni frutti. Il prodotto dell'azione di magistrati e forze di polizia, che mi auguro abbiano piu' risorse per affrontare il crimine''. ''Bisogna che tutti sappiano che questo bene ora e' 'pulito' -ha sottolineato il prete antimafia- anche le istituzioni vengano qui a fare il brindisi di Natale'', per sostenere la ripresa dell'attivita'. Qui -ha ricordato don Ciotti- gli Alvaro hanno fatto i loro affari, ora dobbiamo fare in modo che questa confisca in primo grado (guai se non diventasse definitiva), segni l'inizio di una nuova vita''. (segue)

Dai blog