Cerca
Logo
Cerca
+

Beni culturali: primo bene in Puglia per il Fai, l'Abbazia di S. Maria di Cerrate (2)

default_image

Cultura

  • a
  • a
  • a

(Adnkronos) - Il FAI e' stato scelto come soggetto ideale, perche' fondazione riconosciuta a livello nazionale per l'impegno e la competenza dimostrati in oltre trent'anni di attivita', in cui ha maturato l'esperienza per pianificare e attuare politiche di valorizzazione e gestione dei beni che ha sotto la propria tutela, siano essi di proprieta' o gestiti in concessione. L'abbazia di Cerrate, venne fondata nel XII secolo dai Normanni. Narra la leggenda che Re Tancredi, conte di Lecce, durante una battuta di caccia si trovo' di fronte una cerbiatta: la segui' per catturarla e all'improvviso gli apparve l'immagine della Madonna. In quel luogo decise di far costruire la Chiesa di Santa Maria. La struttura edilizia di forma quadrilatera e' composta dalla casa monastica, la chiesa abbaziale e da un sontuoso pozzo cinquecentesco in pietra leccese. La gestione del luogo venne affidata ai monaci basiliani divenendo un importante centro religioso e sede di un celebre scriptorium. Dopo la meta' del XVI secolo, con la scomparsa dell'ordine basiliano, il complesso passo' sotto il controllo della Santa Sede e poi fu concesso da Papa Clemente VII all'Ospedale degli Incurabili di Napoli. Devastata nel 1711 dai Turchi l'abbazia cadde in abbandono, per diventare poi masseria. Attualmente e' sede del Museo delle Tradizioni Popolari del Salento.

Dai blog