Cerca
Logo
Cerca
+

Roma: Tredicine, sfruttamento disabili reato ignobile, pene esemplari

default_image

Cronaca

  • a
  • a
  • a

Roma, 20 dic. - (Adnkronos) - "Desidero esprimere la mia vicinanza e di Roma Capitale alle due persone diversamente abili che sono state vittime di uno sfruttamento vergognoso messo in atto da due delinquenti senza scrupoli. Voglio che sappiano che Roma Capitale non li lascera' soli e sara' a loro disposizione per aiutarli a superare questo difficile momento". Lo dichiara in una nota il presidente della commissione Politiche Sociali e Famiglia di Roma Capitale Giordano Tredicine. "La riduzione in schiavitu' - continua - oltre ad essere di per se l'azione piu' ignobile che un uomo possa compiere, se compiuta nei confronti di un disabile raggiunge il massimo della disumanita'. L'art. 600 del Codice Penale prevede infatti per questo reato, la reclusione fino a 20 anni". "Mi auguro - conclude - che i magistrati che si occuperanno del caso diano un segnale importante a chi nella semplicita' e nell'ingenuita' di una persona indifesa scorga non l'espressione piu' nobile di un'umanita' da proteggere, ma uno spregevole modo per arricchirsi".

Dai blog