Cerca
Logo
Cerca
+

Manovra: Fontana (Anci), chiediamo a Governo di rivedere patto stabilita' (3)

default_image

Economia

  • a
  • a
  • a

(Adnkronos) - "Insomma -prosegue il presidente lombardo dell'Anci- i cittadini pagheranno l'Imu ma si ritroveranno con i Comuni che non faranno piu' investimenti e taglieranno i servizi. Il patto di stabilita' ci impedisce di utilizzare fondi che potremmo spendere per gli investimenti e la manutenzione del territorio e per far ripartire l'economia facendo lavorare le imprese. Sono soldi che gia' abbiamo in cassa, ma che non possiamo spendere perche' il resto della pubblica amministrazione non riesce a diminuire il suo deficit. Il contrario di quanto serve per rilanciare la crescita". "Complessivamente -spiega Fontana- i tagli ai Comuni, sommati al patto di stabilita', ammontano nel 2012 a 8,5 miliardi di euro. L'unica manovrabilita' lasciata ai sindaci e' di aumentare le aliquote dell'Imu. E' un'autonomia di cui c'e' poco da rallegrarsi, perche' non porta migliori servizi ai cittadini ma solo piu' tasse per mantenere i servizi essenziali. Ricordiamo l'azzeramento del fondo per la non-autosufficienza, la drastica riduzione del fondo per le politiche sociali, i tagli a cascata che i Comuni ricevono dalle Regioni, a loro volta vittime della scure del governo". "Dopo anni di tagli i Comuni hanno gia' eliminato tutte le spese superflue: da anni -sottolinea Fontana- sono l'unico comparto che ha migliorato il bilancio, gli stipendi medi del personale sono piu' bassi che in altri livelli amministrativi, come anche il rapporto tra dirigenti e dipendenti. E le indennita' dei sindaci e degli assessori sono una frazione degli stipendi dei politici, di cui tanto si discute. Chiediamo serieta'-conclude- perche' i tagli ai Comuni sono tagli ai cittadini".

Dai blog