Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Autotrasporto: Napoli, riprende consegna frutta e verdura ma ancora disagi

default_image

Cronaca

  • a
  • a
  • a

Napoli, 27 gen. - (Adnkronos) - Si fanno sentire anche oggi gli effetti dello sciopero dei tir in Campania, a cinque giorni dalle prime manifestazioni. Continuano le attivita' di rifornimento dei distributori di carburante a Napoli da parte delle autocisterne, ma sono ancora pochi i benzinai aperti: chi ha aperto questa mattina, la maggior parte con la disponibilita' solo di benzina e non di diesel, ha esaurito in poche ore le scorte dopo aver servito lunghe code di automobili, motorini e persone a piedi con tanto di tanica da riempire. Presi d'assalto i due distributori di Via Epomeo, a Soccavo, e quello di Viale Michelangelo, con ripercussioni sul traffico che pero' appare drasticamente diminuito nelle altre zone della citta'. I Verdi parlano di "aria molto piu' respirabile, con questa protesta abbiamo avuto la percezione di una citta' piu' a misura d'uomo e senza smog". Cominciano a rivedersi nei supermercati i reparti ortofrutticolo e dei latticini pieni: "Nel giro di qualche giorno, se non ci saranno altri blocchi, torneremo alla piena normalita', ma i danni economici e strutturali sono stati molto gravi", dichiara Giovanni Medici, presidente onorario di Pac2000A, cooperativa di dettaglianti aderente al Consorzio nazionale Conad. A Napoli il blocco dei tir ha causato anche problemi alla raccolta dei rifiuti e al conferimento negli impianti Stir della provincia: sono 480 le tonnellate di rifiuti non raccolti oggi per le strade della citta'. C'e' il recupero, spiegano dal Comune di Napoli, di oltre 100 tonnellate rispetto alle giacenze di ieri, quando erano 600 le tonnellate non raccolte. Domani si potrebbero recuperare altre 150 tonnellate, mentre oggi i mezzi dell'Asia, azienda del Comune responsabile della raccolta dei rifiuti in citta', effettuera' una raccolta straordinaria.

Dai blog