Cerca

SMS SOLIDALE AL 45506

Don Gnocchi e Movimenti di Vita
“Aiutiamo i gravi pazienti disabili”

4 Marzo 2015

0

Partecipare con il proprio movimento significa dedicare una parte di se stessi agli altri e avere la consapevolezza che un semplice gesto quotidiano, apparentemente privo di importanza, può alleviare la sofferenza dei più sfortunati, e farci sentire tutti parte dello stesso grande movimento: la vita. La campagna Movimenti di Vita prende così il via con l’SMS solidale a sostegno del progetto MecFES, brevettato a livello internazionale dalla Don Gnocchi: un modello riabilitativo dedicato ai gravi pazienti neurolesi che si basa sull’individuazione, lo stimolo e lo sviluppo del movimento residuo. Si tratta in concreto di un dispositivo, indossato dal paziente, che legge il segnale nervoso residuo attraverso la pelle, restituendo poi una scarica elettrica ai muscoli da attivare. Ciò, oltre a ridare autonomia al paziente, permette anche un miglioramento della funzionalità. Il dispositivo infatti viene attivato direttamente dal paziente ed è lui stesso a modulare la forza esercitata; questo consente quindi un controllo diretto e naturale della forza di presa quando per esempio si afferra una pesante bottiglia o quando si stringe delicatamente un bicchiere di carta. L’obiettivo della Fondazione Don Gnocchi è portare i vantaggi clinici e assistenziali del MecFES a un numero di pazienti il più elevato possibile, attraverso la sua ottimizzazione e ingegnerizzazione, per conferirgli una più elevata usabilità, e la messa a punto del trasferimento tecnologico per la produzione in serie. Per questo è possibile sostenere la Don Gnocchi donando 2 oppure 5 euro con un sms solidale al 45506 inviato fino al 29 marzo.

Movimenti di Vita. Dalla volontà della Fondazione Don Gnocchi di dialogare con un pubblico e con strumenti nuovi e da uno studio mirato e innovativo di DoxaCRM, nasce un’idea e un’immagine nuova, declinata sulla positività del concetto stesso di movimento e sulla circolarità che questo richiama nella sua dimensione più legata al gioco e alla prossimità. Il gesto sportivo, il gioco, la cura e l’assistenza diventano temi e tonalità diverse attraverso i quali fare sentire la vicinanza degli uni agli altri, di chi ha bisogno e di chi offre aiuto. Un vero e proprio dialogo attraverso il web e i Social network, per comunicare sensazioni, stati d’animo, azioni, immagini, eventi e quant’altro possa essere utile a condividere anche il più profondo dei movimenti: il motus animi. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare personale TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, e CoopVoce. Sarà di 2 euro anche per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Vodafone,  TeleTu e TWT e di 2/5 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.

La Fondazione don Carlo Gnocchi. Nasce 60 anni fa per volere di don Carlo Gnocchi con lo scopo di assicurare cura, riabilitazione e integrazione sociale dei piccoli rimasti mutilati nel corso della seconda guerra mondiale. Progressivamente la Fondazione ha ampliato nel tempo il proprio raggio d’azione e la propria attività, continuando a rispondere - anche con soluzioni innovative e sperimentali, integrando efficienza e solidarietà - ai bisogni emergenti delle persone più fragili. Scopo principale della Fondazione è provvedere all’assistenza, alla tutela della salute, alla cura e al recupero funzionale, sociale e morale di soggetti svantaggiati organizzando ed erogando prestazioni dirette alla cura, sostenendo il reinserimento familiare, lavorativo e sociale, promuovendo la formazione e l’aggiornamento dei soggetti che operano nel campo dell’assistenza ai disabili e sostenendo la ricerca scientifica su temi di particolare interesse sociale. Oggi la Fondazione Don Gnocchi continua a occuparsi di ragazzi con diverso tipo di disabilità, affetti da complesse patologie acquisite e congenite; di pazienti di ogni età che necessitano di interventi riabilitativi neurologici, ortopedici, cardiologici e respiratori, persone con esiti di traumi, colpite da ictus, sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica, morbo di Parkinson, malattia di Alzheimer o altre patologie invalidanti; di assistenza ad anziani non autosufficienti, malati oncologici terminali e pazienti con gravi cerebrolesioni. Riconosciuta Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, segnatamente per i Centri di Milano e Firenze, oggi la Fondazione Don Gnocchi opera in 29 centri, ubicati in 9 regioni d’Italia e svolge le proprie attività in regime di accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale. L’attività si articola in ambito sanitario-riabilitativo, socio-assistenziale e socio-educativo (Centri Diurni Disabili, Residenze sanitarie per Disabili, Degenze Diurne Riabilitative, Comunità-Alloggio).Intensa è l’attività di ricerca scientifica e di formazione ai più diversi livelli. Riconosciuta Organizzazione Non Governativa (ONG), la Fondazione Don Gnocchi è inoltre impegnata in progetti di solidarietà nei Paesi in via di sviluppo. (LARA LUCIANO)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Tragedia umana e politica a Bologna, quanti sono in piazza a sentire Luigi Di Maio: sconcerto

Luigi Di Maio
Sardine, in manifestazione a Modena sono quattro gatti. Matteo Salvini li prende in giro: "Non spingete"
Vito Crimi capo M5s dopo Di Maio: "Ha studiato per anni, amico dei magistrati". Il reggente frega tutti?

media