Cerca

FIBRILLAZIONE ATRIALE NON VALVOLARE

Per ridurre il rischio di ictus
nuovo sistema Watchman Flx

22 Febbraio 2016

0

In Italia si verificano ogni anno 200 mila ictus, di cui  10 mila in soggetti di età inferiore a 54 anni. Il dato, indicato nel progetto Ipsys (Italian project on stroke in young adults) dell’Università di Brescia, dipartimento di neurologia, conferma che la lotta all’ictus deve essere incessante, perché questa patologia, che aumenta progressivamente con l’età e colpisce in misura crescente le donne (43% dei casi) è una delle più invalidanti e costose, sia per il Servizio Sanitario Nazionale che per le famiglie. Si stima, infatti, che la spesa per ogni paziente colpito da ictus si aggiri su €11.747 per i costi sanitari e €19.953 per i costi sociali (compresa la perdita di produttività). Fra le priorità per affrontarla efficacemente, il potenziamento delle Stroke Unit, strutture di pronto intervento di cui tutti gli ospedali dovrebbero essere dotati e tuttora in numero inadeguato rispetto alle esigenze (141 Stroke Unit in Italia, di cui 95 al Nord, 31 al Centro e 15 al Sud), la ricerca di nuovi farmaci e, in misura crescente, il ricorso a soluzioni interventistiche mininvasive, come la chiusura percutanea dell’auricola sinistra (piccola ansa del cuore) tramite dispositivi medici.

I primi interventi in Italia con il dispositivo di ultima generazione appena introdotto nel nostro Paese sono stati eseguiti presso l’Ospedale San Raffaele di Milano, su pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare e controindicati alla terapia con farmaci anticoagulanti orali. Il dispositivo WATCHMAN FLX, messo a punto da Boston Scientific, è risultato di grande efficacia nella riduzione del rischio di ictus causato dall’embolizzazione dei coaguli che si formano nell’auricola sinistra. Il nuovo dispositivo si adatta ad auricole di varie dimensioni e anatomie, dalle più semplici a quelle molto complesse, e favorisce la guarigione dei tessuti; può essere ricatturato e riposizionato più volte nel corso dell’impianto per garantire un risultato ottimale; ha una struttura leggera e autoespandibile in nichel e titanio, con 12 micro-uncini di ancoraggio disposti su due livelli, così da assicurare la massima stabilità del dispositivo all’interno dell’auricola.

“Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto con l’impiego di  questo nuovo dispositivo – commentano Paolo Della Bella, primario dell’Unità Operativa di Aritmologia ed Elettrofisiologia Cardiaca e Patrizio Mazzone, coordinatore di Area Laboratori di Elettrofisiologia, entrambi dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano. “L’intervento è stato eseguito  su due pazienti affetti da gravi patologie cardiache, controindicati all’assunzione di farmaci anticoagulanti e possiamo confermare che, a nostro avviso, si tratta di una soluzione terapeutica molto avanzata, che può ridurre efficacemente il rischio di ictus e migliorare la qualità di vita di molte persone. Gli interventi sono durati circa un’ora e i pazienti sono stati dimessi dopo 24 ore, in assenza di complicanze”. (CARLOTTA DONNINI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Tragedia umana e politica a Bologna, quanti sono in piazza a sentire Luigi Di Maio: sconcerto

Luigi Di Maio
Sardine, in manifestazione a Modena sono quattro gatti. Matteo Salvini li prende in giro: "Non spingete"
Vito Crimi capo M5s dopo Di Maio: "Ha studiato per anni, amico dei magistrati". Il reggente frega tutti?

media