Cerca

ALL’ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI

Salotto Lù ad onco-ginecologia
“Un angolo di casa tra le corsie”

23 Febbraio 2016

0

Un ‘pezzo di casa’ lungo i corridoi di un reparto d’ospedale. Uno spazio di tranquillità domestica per rivivere, almeno per qualche ora, un’atmosfera familiare e più intima con i propri parenti. È Salotto Lù, una stanza realizzata all’interno del reparto di Ginecologia dell’Istituto Nazionale dei Tumori, nella quale design e calore domestico si uniscono per regalare momenti di condivisione e di serenità alle pazienti ricoverate. Domani, mercoledì 24 febbraio alle 12, l’inaugurazione ufficiale della sala, realizzata per volontà e per mano di una famiglia di architetti in memoria di Lù, giovane scomparsa a causa di un tumore, in ringraziamento ai medici del reparto. Parquet a terra, colori tenui alle pareti, piante e bulbi appena sbocciati, lampade e poltroncine di un noto marchio di arredamento online, rendono il salotto – con annessa cucina - non solo una sala d’aspetto, ma un luogo nel quale condividere momenti di serenità, dove leggere un libro o bere un the caldo, proprio come nel salotto di casa.

“L’idea – spiega Francesco Raspagliesi, direttore dell’Unità di Oncologia Ginecologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori – è nata dai familiari della paziente scomparsa. È un luogo in cui le donne ricoverate, insieme ai parenti, possono trascorrere qualche ora in tranquillità, all’interno del reparto ma in un certo senso isolati dalla routine quotidiana dell’ospedale. Qui le pazienti possono riconquistare la qualità della vita normale, quella della propria casa, e socializzare tra loro. Un progetto che va oltre la cura e guarda all’umanizzazione di ogni percorso terapeutico”.

L’Oncologia Ginecologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori rappresenta una delle scuole chirurgiche di più antica  tradizione  in Italia  ed Europa e dal 1999 è diretta da Francesco Raspagliesi. La struttura è un centro di riferimento nazionale ed internazionale per il trattamento chirurgico di tutte le principali patologie oncologiche dell’apparato genitale  femminile. Alle pazienti viene offerta una valutazione multidisciplinare  del trattamento più efficace  con particolare  attenzione  alla preservazione delle funzioni riproduttive. Il  rispetto della  qualità della vita  dopo l’intervento chirurgico radicale   costituisce  uno dei campi di ricerca più importanti per la  struttura  all’interno della quale sono state  sviluppate tecniche chirurgiche  innovative  per  minimizzare gli effetti della chirurgia oncologica. (W. S.)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Emilia Romagna, Stefano Bonaccini s'infuria con la sicurezza: "Basta, fate solo casino. Sto parlando in tv"
Emilia Romagna, papà Borgonzoni al comitato di Stefano Bonaccini: "Non mi dispiace per mia figlia Lucia"
Silvio Berlusconi telefona a Jole Santelli, Dudù "rovina" la festa di Forza Italia: imbarazzo in Calabria

media