Cerca

PREMIO INTERNAZIONALE LE FONTI

MSD Italia impresa dell’anno
per l’innovazione farmaceutica

25 Giugno 2016

0

‘Per gli elevati standard di eticità e integrità e l’eccellenza scientifica nel fornire farmaci e servizi innovativi che curino e migliorino la vita delle persone e soddisfino i bisogni di medici e pazienti’: questa la motivazione per la quale MSD Italia si è aggiudicata il Premio Internazionale Le Fonti come 'Impresa dell’Anno' nella categoria speciale 'Innovazione Farmaceutica'. Il premio è stato ufficialmente consegnato nelle mani di Nicoletta Luppi, presidente e amministratore delegato di MSD Italia, durante l’evento di premiazione svoltosi a Milano, presso la sede della Borsa Italia, al cospetto di una nutrita platea composta da imprenditori, alti dirigenti, partner di studi internazionali, gruppi bancari, assicurativi ed editoriali. Giunto alla VI edizione, Il Premio Internazionale Le Fonti, patrocinato dalla Provincia di Milano, dalla Regione Lombardia e dalla Commissione Europea, intende premiare le eccellenze italiane del settore industriale, professionale e finanziario, che si sono distinte in merito, innovazione e responsabilità sociale.

“Siamo presenti da 125 anni nel mondo e da 60 in Italia – Ha detto Nicoletta Luppi – anni di continue scoperte grazie alle quali MSD ha rivoluzionato i paradigmi terapeutici per decine di patologie, migliorando la qualità di vita di milioni di persone nel mondo. Fin dal 1891, il nostro impegno è stato quello di fornire un contributo distintivo al progresso scientifico attraverso la scoperta e lo sviluppo di tanti farmaci innovativi (oltre 180 nella nostra storia); dalla sintesi del cortisone nei primi anni ’40 dello scorso secolo ai primi vaccini per morbillo, parotite e tumori e lesioni HPV-correlati; dalla simvastatina, il trattamento ipocolesterolemizzante che ha salvato milioni di vite, alle tante molecole, prime nella classe, per il trattamento delle malattie cardiovascolari, osteoporosi, diabete e HIV”. “La nostra ricerca – ha continuato Nicoletta Luppi – è oggi focalizzata sulla prevenzione e la cura di alcune delle più importanti emergenze per la salute pubblica: tra queste, l’epatite C, i batteri resistenti ai vecchi antibiotici, il virus ebola, l’Alzheimer e i tumori, in particolare, con pembrolizumab, l’innovativa terapia anti-PD-1 per il trattamento del melanoma avanzato negli adulti, che ha appena ricevuto l’approvazione e la rimborsabilità nel nostro Paese con un tangibile riconoscimento del valore clinico e sociale della molecola da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco”.

“MSD – ha proseguito Nicoletta Luppi – non è solo ricerca, ma anche servizi dedicati al medico e al paziente e responsabilità sociale d’impresa, come dimostrano i due miliardi di dollari investiti ogni anno in programmi umanitari di donazione e distribuzione di farmaci alle popolazioni che ne hanno maggiormente bisogno e gli oltre 40 milioni di dollari investiti nel nostro Paese per incentivare la ricerca indipendente e premiare i migliori talenti della nostra comunità scientifica nazionale”. MSD Italia si è aggiudicata il Premio Internazionale Le Fonti anche nel 2015 come 'Impresa dell’Anno' nel 'Settore Farmaceutico' nella categoria 'Ambiente di Lavoro'. “Siamo onorati di ricevere per il secondo anno consecutivo questo prestigioso premio – ha affermato Nicoletta Luppi – che rappresenta un tangibile riconoscimento del nostro impegno quotidiano e della nostra massima dedizione verso la realizzazione di un nuovo modello di business che, attraverso una visione strategica ed olistica, pone al centro dei nostri obiettivi il paziente”. Accanto al Premio Internazionale Le Fonti, MSD Italia ripone nella propria bacheca un altro importante riconoscimento: il Premio 'Città di Taormina Salute Donna' per il cortometraggio ‘Insieme’, recentemente conferitogli durante il 62° Taormina Film Fest. Promosso da Salute Donna onlus e SIPO con il supporto non condizionato di MSD Italia, ‘Insieme’ è diretto dalla regista Annamaria Liguori e vede come interpreti Euridice Axen, Giorgia Wurth, Nicolas Vaporidis e Monica Scattini. I brani musicali sono interpretati da Marco Carta.

Si tratta di un cortometraggio, liberamente ispirato a una storia vera, che racconta frammenti durissimi di vita reale di una giovane donna che convive con il cancro. Dopo il trauma della diagnosi comincia la battaglia contro la malattia e il duro confronto con la chemioterapia segnato dalla comparsa di effetti collaterali che devastano la quotidianità. Nel film, le relazioni, gli affetti, il dialogo con le persone vicine, a cominciare dalla sorella e dal proprio medico, si riveleranno per la protagonista le risorse decisive per superare i passaggi difficili del percorso di cura. “C’è un assunto morale che da sempre ci guida – ha sottolineato Nicoletta Luppi – la medicina è per le persone. Per questo lavoriamo ricordando costantemente che dietro ogni malattia c’è un paziente e un paziente è prima di tutto una persona, con la sua rete di relazioni familiari e sociali. Ecco perché, come azienda, abbiamo deciso di sostenere un progetto come questo, un cortometraggio volto a facilitare una corretta comunicazione tra medico e paziente”. “In questo cortometraggio – così ha concluso Nicoletta Luppi – la forza del linguaggio cinematografico diviene uno strumento capace di catalizzare emozioni e arrivare direttamente al cuore del grande pubblico. Un progetto al servizio di una migliore comunicazione tra medico e pazienti, perno di un’alleanza terapeutica decisiva per affrontare il tumore. Ma con questa iniziativa abbiamo cercato di fare un ulteriore passo in avanti, valorizzando il cinema come vera e propria metodica di apprendimento, come risorsa di informazione e formazione non solo per il grande pubblico, ma per gli stessi medici”. I due importanti riconoscimenti si uniscono ai numerosi tributi conferiti recentemente a MSD Italia: il premio 'Best Digital Healthcare Company' in Italia (assegnato per il terzo anno consecutivo), il riconoscimento come Società Leader per la CSR e la certificazione Top Employer 2016 (MSD Italia tra le 5 migliori Aziende in Italia per le quali lavorare), secondo la speciale classifica redatta dal Top Employer Institute. (EUGENIA SERMONTI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Emilia Romagna, Stefano Bonaccini s'infuria con la sicurezza: "Basta, fate solo casino. Sto parlando in tv"
Emilia Romagna, papà Borgonzoni al comitato di Stefano Bonaccini: "Non mi dispiace per mia figlia Lucia"
Silvio Berlusconi telefona a Jole Santelli, Dudù "rovina" la festa di Forza Italia: imbarazzo in Calabria

media